In occa­sione dell’uscita del nuovo album The Stars Are Out Tonight di David Bowie, riper­cor­riamo velo­ce­mente la gran­dis­sima car­riera del can­tante attra­verso quat­tro accon­cia­ture che hanno carat­te­riz­zato il suo per­so­nag­gio e la sua musica.

Capelli corti alla beatles

Eclet­tico mae­stro del tra­sfor­mi­smo, ini­ziò la sua car­riera negli anni 60 con un taglio corto che ricor­dava molto i bea­tles dei primi tempi. A que­sto taglio con la fran­getta pos­siamo asso­ciare il suo album Space Oddity. Più disor­di­nato dei suoi col­le­ghi di Lever­pool, si fece suc­ces­si­va­mente cre­scere i capelli. Nel 1965 dichiarò che non si sarebbe tagliato i capelli nean­che se glielo avesse chie­sto il primo mini­stro, figu­ria­moci la BBC. Con que­ste parole si oppose all’imposizione del canale tele­vi­sivo che lo invi­tava a par­te­ci­pare a un pro­gramma solo se li avesse tagliati.

Capelli lughi da Hippy

Esce con i capelli lun­ghi nella coper­tina dell’Album The Man Who Sold The World nel 1971. Cen­su­rata in Usa, lo ritrae in abiti fem­mi­nili sdra­iato su un divano e con i lun­ghi capelli biondi sciolti sulle spalle. L’anno suc­ces­sivo con The Rise And Fall Of Ziggy Star­dust And The Spi­ders From Mars, Bowie arriva all’apice del suc­cesso rac­con­tando la sto­ria dell’extraterrestre andro­gino. Il can­tante in que­sto periodo taglia i capelli corti e li tinge di biondo.

Capelli rossi anni 70

Il Duca Bianco negli anni 70 cam­bia spesso accon­cia­tura e colore dei capelli, pas­sando dal caschetto ai capelli rossi volu­mi­nosi, con ciuffo spa­rato in aria a cui pos­siamo asso­ciare il con­cept album Dia­mond Dogs. Cele­bre la sua imma­gine con il lampo dipinto in volto con que­sto famoso taglio di capelli, in coper­tina nell’album Alad­din Sane.

Carrè con riga in mezzo

Dopo molte accon­cia­ture: dal periodo ber­li­nese ai capelli corti sulla nuca e lun­ghi die­tro negli anni 80 e rasati sui lati e in piedi sopra la fronte negli anni 90, nei primi anni 2000 Bowie opta per un carrè con riga in mezzo più ele­gante e curato.

Recen­te­mente il can­tante ha scelto un taglio sobrio da vero gen­tle­men, se però guar­diamo indie­tro a tutta la sua car­riera bowie ha cam­biato accon­cia­ture e taglio di capelli in base al per­so­nag­gio che inter­pre­tava e alla musica che creava. Un arti­sta del tra­sfor­mi­smo in ter­mini di stile este­tico e musi­cale, che ancora oggi con­tri­bui­sce a creare mode e ten­denze ispi­rando milioni di gio­vani e hair sty­list pro­fes­sio­ni­sti.