I capelli sec­chi e sfi­brati sono un pro­blema per molte per­sone, uomini e donne di tutte le età. Soli­ta­mente que­sto feno­meno è cau­sato da una minor secre­zione seba­cea, è un pro­blema este­tico che comin­cia soli­ta­mente con un sem­plice ine­ste­ti­smo. Capelli sec­chi che pos­sono nel tempo spez­zarsi facil­mente, diven­tare più fra­gili e cau­sare una suc­ces­siva caduta dei capelli; il sebo infatti idrata e pro­tegge il cuoio capel­luto e in man­canza di esso si pos­sono creare irri­ta­zioni e pru­rito. Il capello perde, quindi, la sua ela­sti­cità e diventa opaco e fra­gile, più vul­ne­ra­bile e mag­gior­mente espo­sto alla for­ma­zione di dop­pie punte. Le cause sono mol­te­plici: in primo luogo quelle ormo­nali, ma anche una vita fre­ne­tica e un’alimentazione veloce e sre­go­lata. I capelli pos­sono sfi­brarsi inol­tre a causa di agenti atmo­sfe­rici o trat­ta­menti cosme­tici troppo inva­sivi, della pia­stra, oppure dall’utilizzo di un pro­dotto igie­nico errato o da uno scor­retto lavag­gio dei capelli.

Per ovviare a que­sta pro­ble­ma­tica è pos­si­bile uti­liz­zare pro­dotti per capelli sec­chi, che vanno a rin­for­zare e rin­vi­go­rire il capello e adot­tare alcune buone pra­ti­che, vedia­mole assieme.

  • Lavare i capelli con uno sham­poo deli­cato e nutriente, ricco di prin­cipi attivi.
  • Uti­liz­zare un impacco oppure una crema idra­tante, mas­sag­giando accu­ra­ta­mente il cuoio capelluto
  • Risciac­quare in modo accu­rato, pas­sando le dita sui capelli.
  • Evi­tare i grassi saturi (dolci, salumi, fast food) e man­giare molte ver­dure verdi e frutta fre­sca. Inol­tre fanno bene ai capelli: man­dorle, noci, noc­ciole e cereali. In deter­mi­nati periodi dell’anno è con­si­gliato fare un pic­colo trat­ta­mento di tre mesi con degli inte­gra­tori ali­men­tari specifici.
  • Da evi­tare: l’acqua troppo calda, il phon troppo caldo vicino alle radici, asciu­gare i capelli fri­zio­nando forte con un asciu­ga­mano, l’acqua troppo cal­ca­rea. I capelli devono essere tam­po­nati ed asciu­gati col fon senza esa­ge­rare a tem­pe­ra­ture mai troppo elevate.

Spesso que­sti rimedi non sono suf­fi­cienti oppure sono gestiti in modo errato; per que­sto è oppor­tuno fis­sare un appun­ta­mento con uno spe­cia­li­sta tri­co­logo che può con­si­gliare il trat­ta­mento più adatto, effet­tuando un’accurata anam­nesi della per­sona inte­res­sata, spie­gando passo per passo le solu­zioni e le buone pra­ti­che per risol­vere que­sto problema.

(Cre­dits Image: http://www.soluzionidicasa.com/)