Le accon­cia­tu­re più in voga il pros­si­mo anno saran­no diver­se. Capel­li par­zial­men­te rac­col­ti con cioc­che che cado­no mor­bi­de, ma anche pet­ti­na­tu­re che uni­sco­no la chio­ma sen­za lascia­re sfug­gi­re nem­me­no una cioc­ca. Pas­sia­mo in ras­se­gna alcu­ne accon­cia­tu­re con­si­glia­te per le feste di Nata­le e Capo­dan­no.

La pet­ti­na­tu­ra appa­ren­te­men­te più sem­pli­ce da rea­liz­za­re è la coda di caval­lo. Pri­ma di tut­to biso­gna aver­li lun­ghi, poi sce­glie­re, in base al tipo di capel­lo, qua­le coda rea­liz­za­re. Ce ne sono di diver­so tipo, da quel­la effet­to super pre­ci­so, liscis­si­ma e tira­tis­si­ma ma esclu­si­va e chic, a quel­la effet­to sca­pi­glia­to, per­fet­ta anche per chi ha i capel­li ric­ci e vapo­ro­si. Se non ave­te tem­po di anda­re dal par­ruc­chie­re e i vostri capel­li non neces­si­ta­no di par­ti­co­la­ri cure e atten­zio­ni per risul­ta­re in ordi­ne, pote­te pro­cu­rar­vi degli acces­so­ri per capel­li, come roman­ti­ci fioc­chet­ti o nastri del colo­re dell’abito (o con­tra­sto), per legar­li in manie­ra chic.

Tra le mol­tis­si­me accon­cia­tu­re da sce­glie­re c’è il top knot, più sem­pli­ce­men­te cono­sciu­to come chi­gnon alto. Que­sta è un’ottima pet­ti­na­tu­ra per le feste, soprat­tut­to se anda­te ad una festa o ad una cena ele­gan­te. Pote­te anche pre­fe­ri­re il clas­si­co chi­gnon bas­so, impre­zio­si­to con trec­ci­ne di diver­se dimen­sio­ni per otte­ne­re un effet­to ricer­ca­to.

Per chi ama gio­ca­re con il pro­prio sti­le pro­po­nia­mo pet­ti­na­tu­re che non pos­so­no pas­sa­re inos­ser­va­te come il fioc­co rea­liz­za­to con i capel­li, un’acconciatura sfog­gia­ta tem­po fa da Lady Gaga e ora ripro­po­sto da chiun­que.

Se inve­ce la paro­la d’ordine è retrò, look anni ‘50, come quel­lo sfog­gia­to da Ade­le e Dita Von Tee­se, come anche le accon­cia­tu­re con onde tipi­che degli anni ’20 ripro­po­ste ulti­ma­men­te anche sui più famo­si red car­pet.

Trec­ce e trec­ci­ne sono asso­lu­ta­men­te un must degli ulti­mi anni, pur­ché sia­no ela­bo­ra­te, par­ti­co­la­ri, mul­ti­ple o impre­zio­si­ti da nastri­ni colo­ra­ti. Se lega­re i capel­li non vi sod­di­sfa, in alter­na­ti­va pote­te accon­ciar­li in manie­ra diver­sa dal soli­to: por­tar­li late­ral­men­te se li ave­te lun­ghi, e, se sono cor­ti, ispi­rar­vi alle pet­ti­na­tu­re sti­le anni ’80, che pro­po­ne­va­no un gran­dis­si­mo ciuf­fo davan­ti.

Se que­sti con­si­gli non doves­se­ro basta­re potreb­be esse­re uti­le rivol­ger­si al par­ruc­chie­re di fidu­cia o a un cen­tro spe­cia­liz­za­to che sarà in gra­do di aiu­tar­vi nel­la scel­ta dell’acconciatura giu­sta per le diver­se festi­vi­tà.