Una ricer­ca effet­tua­ta da un team di scien­zia­ti anglo-ame­ri­ca­ni ha rive­la­to che la cadu­ta e l’indebolimento dei capel­li nel­le don­ne, dopo una cer­ta età, è un feno­me­no asso­lu­ta­men­te nor­ma­le. Que­sta non è sicu­ra­men­te una bel­la noti­zia per tut­te quel­le don­ne che ama­no la pro­pria fol­ta capi­glia­tu­ra.

Dal recen­te stu­dio pub­bli­ca­to sul Bri­tish Jour­nal of Der­ma­to­lo­gy è emer­so, che anche i capel­li subi­sco­no un nor­ma­le invec­chia­men­to. Dopo i 45 anni d’età la cadu­ta è pro­vo­ca­ta dal­la ridu­zio­ne del dia­me­tro e del nume­ro dei capel­li. Que­sto pro­vo­ca un dira­da­men­to, che pur­trop­po con­ti­nua con il pas­sa­re degli anni.
Lo stu­dio è sta­to effet­tua­to su 1000 don­ne cau­ca­si­che con età com­pre­sa tra i 18 ed i 66 anni, che lamen­ta­va­no una per­di­ta dei capel­li. I dati poi sono sta­ti con­fron­ta­ti con un’altra ana­li­si fat­ta su 300 don­ne del­la stes­sa fascia d’età che però non accu­sa­va­no il pro­ble­ma. Come ter­mi­ne di con­fron­to è sta­to pre­so l’hair amount, ovve­ro un para­me­tro che tie­ne con­to del dia­me­tro del capel­lo e del nume­ro di capel­li pre­sen­ti. Da que­sto para­go­ne è emer­so che il dia­me­tro del capel­lo aumen­ta fino ai 45 anni per poi ridur­si gra­dual­men­te, men­tre la mas­si­ma den­si­tà si rag­giun­ge a 30 anni e pro­prio da quell’età ini­zia un pro­gres­si­vo dira­da­men­to.

La der­ma­to­lo­ga che ha con­dot­to la ricer­ca ha affer­ma­to che mol­te don­ne vivo­no in manie­ra deva­stan­te que­sta situa­zio­ne e non rie­sco­no ad accet­ta­re uno sfol­ti­men­to del­la loro capi­glia­tu­ra.

Oggi risol­ve­re o comun­que atte­nua­re que­sto pro­ble­ma però non è più cosi dif­fi­ci­le. Affi­dar­si ad un esper­to e fare una visi­ta di tipo tri­co­lo­gi­co, può aiu­ta­re le don­ne in que­sta situa­zio­ne. Inca­ri­ca­re un pro­fes­sio­ni­sta per la cura del pro­prio aspet­to è sicu­ra­men­te il modo più sicu­ro per rag­giun­ge­re il risul­ta­to desi­de­ra­to, sen­za il rischio di com­met­te­re erro­ri, a vol­te irri­me­dia­bi­li.

Il nostro con­si­glio è sem­pre quel­lo di affi­dar­vi agli spe­cia­li­sti del set­to­re per capi­re assie­me qua­le sia il per­cor­so da segui­re per risol­ve­re l’annoso pro­ble­ma del­la cadu­ta dei capel­li.