Ormai è risa­pu­to che fuma­re fa male al nostro orga­ni­smo, tut­ti ne sono a cono­scen­za, ogni anno si fan­no cam­pa­gne di sen­si­bi­liz­za­zio­ne con­tro il feno­me­no e i dan­ni pro­vo­ca­ti che sono accer­ta­ti e testi­mo­nia­ti cli­ni­ca­men­te. Fuma­re fa male ai nostri orga­ni, appa­ra­to car­dio­cir­co­la­to­rio e respi­ra­to­rio ed altri, ma può anche far cade­re i capel­li?

Dall’ultimo son­dag­gio di Euro­ba­ro­me­tro emer­ge che gli ita­lia­ni sono fra gli euro­pei che fuma­no meno, sareb­be­ro, infat­ti, il 21%, col­lo­can­do­si a fon­do clas­si­fi­ca UE ma il feno­me­no è anco­ra lon­ta­no dall’essere debel­la­to. Nono­stan­te la nota pre­oc­cu­pa­zio­ne che fuma­re pos­sa pro­cu­ra­re can­cro ai pol­mo­ni, come altri impor­tan­ti dan­ni, le per­so­ne sem­bra­no mol­to inte­res­sa­te a sape­re se pos­sa cau­sa­re anche la cal­vi­zie. Il fumo pro­vo­ca, infat­ti, invec­chia­men­to pre­co­ce, un aumen­to del­le rughe e un aspet­to più pal­li­do e non sano, per cui sareb­be faci­le aggiun­ge­re alla lista anche la cadu­ta dei capel­li ma è neces­sa­rio scen­de­re mag­gior­men­te nel det­ta­glio. La cal­vi­zie maschi­le in alcu­ni casi è dovu­ta ad ere­di­ta­rie­tà e gene­ti­ca, per cui irre­ver­si­bi­le e non può esse­re impu­ta­ta diret­ta­men­te al fumo, inve­ce se la cadu­ta doves­se dipen­de­re da altri fat­to­ri che pos­so­no esse­re cura­ti e risol­ti, inver­ten­do così la ten­den­za, allo­ra il fumo può inci­de­re nega­ti­va­men­te nel­la salu­te del­la chio­ma. Tec­ni­ca­men­te il fumo diret­ta­men­te non cau­sa la cadu­ta dei capel­li ma può esse­re un fat­to­re che acui­sce mag­gior­men­te il feno­me­no. Ecco i dan­ni che il fumo può pro­vo­ca­re alla nostra chio­ma:

  • Disfun­zio­ni ormo­na­li –> le sostan­ze noci­ve pre­sen­ti nel­le siga­ret­te pos­so­no anda­re ad aumen­ta­re i livel­li di ormo­ni andro­ge­ni, come DHEA, DHT e testo­ste­ro­ne, incre­men­tan­do la pos­si­bi­li­tà di com­par­sa dell’alopecia andro­ge­ne­ti­ca e la con­se­guen­te cadu­ta dei capel­li.
  • Caren­za di ossi­ge­no –> la nico­ti­na del­le siga­ret­te agi­sce come vaso­co­strit­to­re e pro-infiam­ma­to­rio bru­cian­do l’ossigeno e le sostan­ze nutri­ti­ve nel nostro san­gue. Di con­se­guen­za i vasi san­gui­nei non saran­no in gra­do di appor­ta­re il cor­ret­to nutri­men­to al cuo­io capel­lu­to che pro­dur­rà così capel­li sfi­bra­ti e sot­ti­li, fino alla cadu­ta degli stes­si.
  • Squi­li­bri al cuo­io capel­lu­to –> le par­ti­cel­le di catra­me e nico­ti­na del­la siga­ret­ta si depo­si­ta­no sul cuo­io capel­lu­to e si lega­no alla nor­ma­le pre­sen­za di sebo pro­tet­ti­vo, alte­ran­do­ne il rego­la­re fun­zio­na­men­to e sti­mo­lan­do­ne la sovrap­pro­du­zio­ne. Si cree­rà così un tap­po di sebo che andrà a sof­fo­ca­re la cute, pro­vo­can­do la minia­tu­riz­za­zio­ne del capel­lo.

Infi­ne, si può affer­ma­re che fuma­re fa male al nostro cor­po e anche ai nostri capel­li, ecco per­ché si con­si­glia di non con­ti­nua­re con que­sto brut­to vizio!