La per­dita dei capelli può essere dovuta a diversi fat­tori, in alcuni casi la caduta può essere nor­male, infatti, per­dere una certa quan­tità gior­nal­mente o in certi periodi dell’anno, come durante i cambi di sta­gione, è da con­si­de­rarsi asso­lu­ta­mente nor­male e fisio­lo­gica. Infatti, i capelli non cre­scono con­ti­nua­mente, il fol­li­colo pili­fero è respon­sa­bile del ciclo di vita del capello che com­prende diverse fasi di cre­scita. Durante la fase telo­gen i capelli pre­e­si­stenti cadono e sono sosti­tuiti da nuovi capelli, per que­sto è nor­male riscon­trare una per­dita con­ti­nua di capelli che però soli­ta­mente è bilan­ciata dalla cre­scita. Ci si deve pre­oc­cu­pare se que­sta sus­si­ste nel tempo e in una quan­tità ingente.

La tiroide può influire sulla caduta dei capelli?

Gli scom­pensi ormo­nali sono spesso causa di caduta dei capelli. L’ipo­ti­roi­di­smo grave e pro­lun­gato e l’iper­ti­roi­di­smo pos­sono, infatti, por­tare a dira­da­mento, che può inte­res­sare aree di cuoio capel­luto molto dif­fuse. I fol­li­coli pili­feri risen­tono par­ti­co­lar­mente della con­cen­tra­zione di ormoni tiroi­dei poi­ché influen­zano il meta­bo­li­smo cel­lu­lare di pro­teine, lipidi, mine­rali e carboidrati.

Alcune forme d’ipotiroidismo o iper­ti­roi­di­smo pos­sono mani­fe­starsi anche improv­vi­sa­mente ed essere dia­gno­sti­cate pre­sto oppure in certi casi pos­sono pas­sare anche mesi prima di arri­vare alla dia­gnosi. La caduta dei capelli dovuta a scom­pensi tiroi­dei può mani­fe­starsi anche parec­chi mesi dopo l’insorgenza della malattia.

Che cosa si può fare?

Nella mag­gior parte dei casi la caduta dei capelli cau­sata da scom­pensi tiroi­dei è tem­po­ra­nea e rever­si­bile, ma pos­sono pas­sare anche diversi mesi prima che i fol­li­coli pili­feri ripren­dano la loro nor­male atti­vità e che cre­scano nuovi capelli, per que­sto biso­gna essere pazienti.

Il pro­blema può essere risolto assu­mendo deter­mi­nati far­maci per rego­lare l’ipotiroidismo o l’ipertiroidismo ma non è suf­fi­ciente. È impor­tante con­sul­tare anche un tri­co­logo di fidu­cia per stu­diare una tera­pia adatta a sti­mo­lare l’attività fol­li­co­lare e ripor­tarla ai para­me­tri fisio­lo­gici. Per que­sto è fon­da­men­tale inter­ve­nire subito per arre­stare la caduta dei capelli non appena si nota un dira­da­mento ecces­sivo e siano dia­gno­sti­cati iper­ti­roi­di­smo o ipotiroidismo.