La caduta dei capelli inte­ressa ogni anno molte per­sone, sia donne sia uomini, di tutte le età, e può essere in parte con­si­stente, si può accen­tuare in certi periodi dell’anno e atte­nuarsi in altri. I fat­tori sca­te­nanti della caduta dei capelli pos­sono essere mol­te­plici e dif­fe­renti, indi­vi­duare con esat­tezza la causa è il primo passo per avvi­ci­narsi alla solu­zione del pro­blema. Una delle domande prin­ci­pali che ci si pone quando s’inizia a per­dere i capelli è se ricre­sce­ranno ancora. Per prima cosa, que­sta domanda andrà rivolta ad uno spe­cia­li­sta del set­tore, con­sul­tare un buon cen­tro tri­co­lo­gico può essere deter­mi­nante nell’analisi della situa­zione e nel suc­cesso della tera­pia da attuare. Non è pos­si­bile, infatti, rispon­dere al que­sito in maniera gene­rica e netta, in quanto ogni caso dev’essere stu­diato appro­fon­di­ta­mente prima di dare una rispo­sta certa, poi­ché le cause sono tante e pos­sono com­bi­narsi nei modi più disparati.

Qual è il ciclo di vita del capello?

Non tutti sanno che il ciclo di ricre­scita del capello si ripete circa 20 volte durante la vita della per­sona. Il ciclo com­prende 3 fasi:

  • ana­gen –> nascita del capello;
  • cata­gen –> sviluppo;
  • telo­gen –> caduta e rinascita.

Le varie fasi hanno un range di durata più o meno sta­bi­lita in una per­sona sana, se una di que­ste dovesse accor­ciarsi molto, potrebbe signi­fi­care che qual­cosa non va, che la chioma non è in salute e i capelli potreb­bero ini­ziare a cadere pre­co­ce­mente. I fol­li­coli pili­feri, respon­sa­bili della crea­zione del capello, pos­sono atro­fiz­zarsi tem­po­ra­nea­mente, ma ci vor­ranno anni prima che diven­tino total­mente inat­tivi, ecco per­ché inter­ve­nire velo­ce­mente è importante.

Esi­stono dei trat­ta­menti effi­caci per far ricre­scere i capelli?

Sì. Lo scopo di ogni trat­ta­mento è di cer­care di ripor­tare il ciclo di cre­scita agli stan­dard abi­tuali, poten­ziando la capa­cità dei fol­li­coli pili­feri di pro­durre capelli sani e forti. Uno dei fat­tori che gioca un ruolo fon­da­men­tale nella minia­tu­riz­za­zione del capello è l’enzima 5alfa-reduttasi, ecco per­ché inter­ve­nire e com­bat­tere que­sto pro­cesso offre mag­giori oppor­tu­nità di suc­cesso della tera­pia. Esi­stono, inol­tre, altre cause della caduta dei capelli come ad esempio:

  • sebo in accesso;
  • stress;
  • for­fora;
  • disfun­zioni meta­bo­li­che e ormonali;
  • ali­men­ta­zione non bilanciata;
  • far­maci.

Ognuna di que­ste cause, sia essa sin­gola o in com­bi­na­zione con altre, dev’essere con­tra­stata con una stra­te­gia diversa, non esi­ste, infatti, un pro­dotto solo e gene­rico per risol­vere il pro­blema. L’anamnesi spesso si rivela com­plessa e indi­vi­duare i fat­tori da eli­mi­nare non è sem­plice per­ché ogni caso è a sé. Rivol­gersi ad un cen­tro spe­cia­liz­zato sarà la scelta giu­sta per intra­pren­dere una tera­pia per­so­na­liz­zata e dif­fe­ren­ziata, stu­diata in fun­zione delle carat­te­ri­sti­che della per­sona e delle cause che hanno pro­vo­cato la caduta dei capelli.