Nel­la socie­tà d’oggi lo stress è uno dei fat­to­ri che si fa sem­pre più pre­pon­de­ran­te e inte­res­sa fasce ampie d’età, dal gio­va­ne alla per­so­na matu­ra. Il nume­ro di gio­va­ni che si rivol­ge a spe­cia­li­sti per pro­ble­mi di cal­vi­zie aumen­ta pro­gres­si­va­men­te. Tra le cau­se del­la cadu­ta dei capel­li, spes­so, rien­tra anche lo sti­le di vita fre­ne­ti­co e ansio­so che gene­ra alti livel­li di stress.

Uno stu­dio con­dot­to dall’Ame­ri­can Psy­cho­lo­gi­cal Asso­cia­tion rive­la che le gene­ra­zio­ni nate negli anni ’80 e ’90 sono sot­to­po­ste a livel­li di stress più alti rispet­to alle pre­ce­den­ti. Le fon­ti di stress pos­so­no esse­re le più diver­se, prin­ci­pal­men­te s’identificano in:

  • Pro­ble­mi eco­no­mi­ci;
  • Ricer­ca o pro­ble­mi lavo­ra­ti­vi;
  • Respon­sa­bi­li­tà fami­lia­ri;
  • Rela­zio­ni intra­per­so­na­li com­pli­ca­te;
  • Pro­ble­mi di salu­te;
  • Pro­ble­mi este­ti­ci.

La ricer­ca ha, inol­tre, ana­liz­za­to qua­li sono i modi più comu­ni che sono adot­ta­te per com­bat­te­re lo stress, tra que­ste:

  • Guar­da­re film o serie tv;
  • Navi­ga­re nel web;
  • Dor­mi­re, ed altre.

Lo stress può esse­re di due tipi:

  • Fisi­co –> dovu­to a gra­vi­dan­za; inter­ven­ti chi­rur­gi­ci; trau­mi fisi­ci; ali­men­ta­zio­ne non bilan­cia­ta.
  • Psi­co­lo­gi­co –> rac­chiu­de tut­te le situa­zio­ni che pro­vo­ca­no ten­sio­ne e ansia, ad esem­pio tra­sfe­ri­men­ti; esa­mi; pro­ble­mi fami­lia­ri ed altri.

Lo stress può far cadere i capelli?

Un for­te perio­do di stress, in con­co­mi­tan­za di altri fat­to­ri, può por­ta­re anche alla cadu­ta dei capel­li, la zona midol­la­re del sur­re­ne è sti­mo­la­ta ecces­si­va­men­te pro­du­cen­do mag­gio­ri quan­ti­tà di adre­na­li­na e nora­dre­na­li­na. Que­ste sostan­ze acce­le­ra­no note­vol­men­te il ciclo di vita del capel­lo facen­do aumen­ta­re i capel­li in fase telo­gen. In alcu­ne cir­co­stan­ze, i capel­li sal­ta­no del tut­to la fase del ripo­so pas­san­do ad una cospi­cua per­di­ta duran­te la fase di cre­sci­ta, i capel­li nuo­vi nasco­no fini e debo­li, si minia­tu­riz­za­no sem­pre di più fino alla pro­gres­si­va scom­par­sa.

La cadu­ta dei capel­li può esse­re più o meno gra­ve in pro­por­zio­ne ai livel­li di stress per­ce­pi­ti, che pos­so­no esse­re prin­ci­pal­men­te divi­si in:

  • For­te stress –> può mani­fe­star­si improv­vi­sa­men­te e far cade­re una buo­na par­te del­la chio­ma. I capel­li si arre­sta­no in fase telo­gen e dopo qual­che mese cadran­no. La per­di­ta sarà però momen­ta­nea in quan­to la strut­tu­ra del fol­li­co­lo non vie­ne dan­neg­gia­ta per cui, ter­mi­na­to il perio­do di stress, i capel­li ripren­de­ran­no il nor­ma­le ciclo di cre­sci­ta.
  • Stress più lie­ve –> se i livel­li di stress sono meno inten­si ma più pro­lun­ga­ti nel tem­po, la fase telo­gen di efflu­vium diven­te­rà cro­ni­ca. La quan­ti­tà di capel­li per­si sarà mino­re rispet­to alla situa­zio­ne descrit­ta pre­ce­den­te­men­te ma più dif­fu­sa e pro­trat­ta nel tem­po, si avrà così un dira­da­men­to dif­fu­so.

Come intervenire?

Per pri­ma cosa è fon­da­men­ta­le con­sul­ta­re un esper­to che attra­ver­so una pri­ma visi­ta potrà ana­liz­za­re lo sta­to di salu­te di cuo­io capel­lu­to e capel­li e iden­ti­fi­ca­re qua­li sono i fat­to­ri che han­no indot­to la cadu­ta dei capel­li. Una cor­ret­ta anam­ne­si è la base per stu­dia­re una tera­pia atta a risol­ve­re il pro­ble­ma.