Voglia­mo par­la­re oggi di un altro tema mol­to for­te lega­to alla cadu­ta dei capel­li che è spes­so ogget­to di doman­de da par­te dei nostri let­to­ri. Il tema è quel­lo del­la cadu­ta dei capel­li nei bam­bi­ni e negli ado­le­scen­ti.

I capel­li han­no un ciclo di vita di cir­ca 3 – 6 anni, che varia a secon­da del ses­so (più bre­ve nei maschi), del­le raz­ze e dell’individuo ed è per que­sto moti­vo che i bam­bi­ni pre­sen­ta­no una for­te cadu­ta dei capel­li pro­prio ver­so i 3 – 67 anni, talo­ra in manie­ra tale che può crea­re pre­oc­cu­pa­zio­ni nei geni­to­ri.

In real­tà si trat­ta del pri­mo ricam­bio del­la capi­glia­tu­ra che gene­ral­men­te si risol­ve spon­ta­nea­men­te nell’arco di 2 – 3 mesi. A vol­te, però, anche i bam­bi­ni pos­so­no pre­sen­ta­re del­le cadu­te più impor­tan­ti, spe­cial­men­te in segui­to a del­le malat­tie infet­ti­ve, vira­li, fun­gi­ne, o altre pato­lo­gie qua­li ane­mie o leu­ce­mie o, più spes­so, per una mal­nu­tri­zio­ne o una nutri­zio­ne non con­grua con scar­so appor­to di vita­mi­ne e sali mine­ra­li: i bam­bi­ni e i gio­va­ni spes­so man­gia­no poca frut­ta e ver­du­ra, natu­ra­li riser­ve di tali costi­tuen­ti!

Infine,anche i bam­bi­ni pos­so­no anda­re incon­tro a degli stress,per par­ti­co­la­ri situa­zio­ni fami­lia­ri, sco­la­sti­che, ecc., che soma­tiz­za­no, come gli adul­ti, con una cadu­ta dei capel­li, che talo­ra può inne­sca­re anche dei fat­to­ri autoim­mu­ni­ta­ri che si mani­fe­sta­no con una cadu­ta a chiaz­ze (alo­pe­cia area­ta), o tota­le. Natu­ral­men­te se la cadu­ta non si arre­sta dopo pochi mesi e se si nota­no del­le chiaz­ze alo­pe­ci­che o se è abbon­dan­te e si nota un rea­le dira­da­men­to è oppor­tu­no rivol­ger­si, oltre che al pedia­tra, anche al der­ma­to­lo­go.

Pos­sia­mo quin­di dedur­re che una cer­ta cadu­ta in alcu­ni momen­ti del­la vita dei ragaz­zi è nor­ma­le, se essa risul­ta però ecces­si­va o incon­trol­la­ta è bene rivol­ger­si ad uno spe­cia­li­sta.