Ogni anno la caduta dei capelli inte­ressa circa il 60% degli uomini in età matura, ma una certa per­cen­tuale riguarda anche gio­vani uomini sui 25 – 30 anni. Per­dere i pro­pri capelli è trau­ma­tico soprat­tutto se si veri­fica pre­co­ce­mente, ecco per­ché è impor­tante pre­ser­vare la salute della chioma e inter­ve­nire appena si per­ce­pi­sce il pro­blema. In molti casi la caduta dei capelli può essere tem­po­ra­nea e dovuta ad alcuni fat­tori che pos­sono essere risolti, men­tre in altri può diven­tare defi­ni­tiva e quindi patologica.

Esi­stono, infatti, diversi modi per atte­nuare o arre­stare la caduta dei capelli, ecco qual­che con­si­glio utile:

  1. Lavare spesso i capelli –> si con­si­glia di lavare i capelli almeno a giorni alterni per igie­niz­zare nella maniera cor­retta il cuoio capel­luto, è fon­da­men­tale eli­mi­nare dalla cute, infatti, tutte quelle sostanze che vi si pos­sono depo­si­tare gior­nal­mente come sebo, for­fora, ed altre par­ti­celle nocive con­te­nute nell’aria.
  2. Seguire una dieta sana e bilan­ciata –> si sug­ge­ri­sce di evi­tare diete dima­granti troppo restrit­tive, il corpo ha biso­gno di tutti i nutri­menti per fun­zio­nare rego­lar­mente, per cui assu­mere frutta e ver­dura con rego­la­rità, man­giare carne bianca e pesce azzurro può solo far bene al nostro orga­ni­smo. Si con­si­glia, inol­tre, di eli­mi­nare o ridurre i fritti, gli alco­lici e i cibi troppo grassi e di bere molta acqua, soprat­tutto durante il periodo estivo. Ad esem­pio, uno degli ali­menti migliori per i nostri capelli è la mela verde per­ché ricca di mine­rali come ferro, zinco, rame, man­ga­nese e potas­sio, ed è impor­tante per lo svi­luppo e la for­ma­zione del capello.
  3. Pra­ti­care sport –> seguire uno stile di vita sano, un’alimentazione ade­guata e la pra­tica di atti­vità fisica, non può che gio­vare al nostro corpo. Un orga­ni­smo in forma e bilan­ciato rie­sce a svol­gere le nor­mali fun­zioni vitali senza sof­fe­renza ecco per­ché anche la chioma non può che bene­fi­ciarne. Dopo aver pra­ti­cato sport, si con­si­glia di lavare accu­ra­ta­mente i capelli per eli­mi­nare tracce di sudore e grasso in eccesso che potreb­bero inta­sare il cuoio capelluto.
  4. Evi­tare lo stress –> lo stress può cau­sare pro­blemi al nostro orga­ni­smo sotto vari aspetti, ad esem­pio può acce­le­rare l’invecchiamento della pelle, pro­vo­care la caduta dei capelli ed altri.
  5. Cono­scere i capelli –> è impor­tante cono­scere i pro­pri capelli. Quando que­sti sono bagnati, sono più deboli, per que­sto si con­si­glia di non pet­ti­narli per evi­tare di spez­zarli. Inol­tre, non uti­liz­zare il phon ad alte tem­pe­ra­ture per­ché potrebbe sec­care ecces­si­va­mente il fusto ren­den­dolo fra­gile e sog­getto allo spezzamento.
  6. Moni­to­rare la caduta dei capelli –> i capelli subi­scono un ricam­bio fisio­lo­gico durante i cambi di sta­gione, si tratta di una per­dita nor­male e tem­po­ra­nea che di solito si arre­sta in poco tempo. Se la caduta dovesse essere mag­giore rispetto al nor­male e pro­lun­gata nel tempo si con­si­glia di rivol­gersi ad uno spe­cia­li­sta per un controllo.

Infine, seguendo que­sti pic­coli accor­gi­menti sarà pos­si­bile man­te­nere la chioma in salute ma se si dovesse notare qual­che pro­blema di caduta dei capelli ano­mala la prima cosa da fare è chie­dere un con­sulto ad un cen­tro tri­co­lo­gico di fidu­cia per lo stu­dio dello stato di salute del cuoio capelluto.