Quan­do si par­la di code di caval­lo si pen­sa alla più imme­dia­ta, como­da e sem­pli­ce del­le solu­zio­ni per siste­ma­re velo­ce­men­te e sen­za fati­ca i pro­pri capel­li.

In casa o nel­le ore di pale­stra è la solu­zio­ne più pra­ti­ca da uti­liz­za­re. Basta tro­va­re un sem­pli­ce ela­sti­co den­tro casa e il gio­co è fat­to.

Esi­sto­no mol­ti van­tag­gi, a secon­da del­la for­ma del pro­prio viso, quan­do si par­la di accon­cia­tu­re con la coda di caval­lo, soprat­tut­to se sie­te del­la filo­so­fia ” i tagli cor­ti rovi­na­no il viso , i tagli cor­ti sono dram­ma­ti­ci”.

Accan­to­na­te per una vol­ta gel, for­bi­ci, lac­ca e quant’altro, e sco­pri­te qua­le coda diven­te­rà per­fet­ta in ogni situa­zio­ne, la più ele­gan­te , e sape­re come modi­fi­car­la diven­te­rà un gio­co da ragaz­zi.

Uno degli svan­tag­gi più comu­ni inve­ce è rap­pre­sen­ta­to dall’ uso rego­la­re di que­sta tec­ni­ca.

Secon­do una ricer­ca ame­ri­ca­na un grup­po di der­ma­to­lo­gi del Sou­th­we­stern Medi­cal Cen­ter dell’Università del Texas infat­ti fare la coda di caval­lo puà cau­sa­re la rot­tu­ra e la per­di­ta dal­la radi­ce dei capel­li, e seb­be­ne tale cadu­ta sia di soli­to rever­si­bi­le, sul lun­go ter­mi­ne o nei casi più gra­vi può però diven­ta­re per­ma­nen­te.

Per evi­ta­re tut­to que­sto baste­reb­be sem­pli­ce­men­te dare un pò di respi­ro di sol­lie­vo ai pro­pri capel­li. In che modo? Non fare code trop­po stret­te e non usan­do la pia­stra, ad esem­pio, o sem­pli­ce­men­te lava­re spes­so i capel­li, ridu­cen­do così al mini­mo ogni tipo di stress al cuo­io capel­lu­to.

Se nota­te una per­di­ta del capel­lo per­ma­nen­te, cau­sa­ta dall’eccessiva pres­sio­ne strut­tu­ra­le che vie­ne pra­ti­ca­ta sul­la radi­ce, un’analisi atten­ta e det­ta­glia­ta pres­so un cen­tro tri­co­lo­gi­co spe­cia­liz­za­to può fare al caso vostro, aiu­tan­do­vi a risol­ve­re que­sto tipo di pro­ble­ma.