La caduta dei capelli è uno dei pro­blemi este­tici, con svi­luppi psi­co­lo­gici, mag­gior­mente sen­titi dalla popo­la­zione, sia fem­mi­nile sia maschile. Esi­stono, infatti, nel web molti siti che par­lano di caduta dei capelli e dei pos­si­bili rimedi. La dif­fu­sione di que­sti por­tali, sem­pre in cre­scita, porta a rite­nere che le per­sone inte­res­sate siano sem­pre in aumento e che vogliano infor­marsi sull’argomento. Ecco per­ché è così impor­tante par­larne! Di seguito alcune rispo­ste sulla caduta dei capelli!

Per­ché i capelli cadono continuamente?

Come ogni parte del nostro corpo anche i capelli si rin­no­vano costan­te­mente e que­sto si mani­fe­sta con l’allungamento o la cre­scita. La vita di ogni capello è, infatti, limi­tata: si tratta di circa 5 o 7 anni, periodo varia­bile in base all’età e alle con­di­zioni di salute dell’organismo che influi­scono sulla velo­cità di cre­scita e la robu­stezza del capello. Il capello giunto al ter­mine del suo ciclo di vita si stacca inte­ra­mente, bulbo e papilla com­presi, una nuova papilla è quindi gene­rata e a sua volta pro­durrà un nuovo capello. Soli­ta­mente inter­cor­rono da uno a tre mesi tra la morte del capello e la sua caduta. Que­sto avvi­cen­da­mento è costante e con­ti­nuo, ecco per­ché gior­nal­mente si perde una certa quan­tità di capelli.

Quanti capelli si per­dono al giorno?

Non esi­ste un numero fisso che valga per tutti, la quan­tità è pro­por­zio­nale alla fol­tezza della chioma. Di norma pos­siamo dire che chi ha una capi­glia­tura folta per­derà una quan­tità mag­giore di capelli. Ognuno ha la sua caduta di capelli che varia in base ai periodi, è impor­tante però moni­to­rarla per quan­ti­fi­care se si tratta di una per­dita fisio­lo­gica o meno.

Cos’è il ricam­bio autunnale?

Poi­ché l’essere umano ha in comune con i mam­mi­feri pelosi la muta, la caduta dei capelli natu­rale e fisio­lo­gica tende a farsi più intensa nei periodi di tran­si­zione tra una sta­gione e l’altra, in par­ti­co­lare tra mag­gio e giu­gno e tra set­tem­bre e novem­bre, alcuni ormoni atti­vano un pro­cesso di caduta incre­men­tando, infatti, i capelli persi.

Quali sono le cause della caduta dei capelli?

Le cause della caduta dei capelli pos­sono essere molte e di varia natura, da quelle legate all’ereditarietà a quelle dovute a scom­pensi ormo­nali, elen­carle tutte richie­de­rebbe mag­gior tempo. Uno degli ormoni respon­sa­bili della cal­vi­zie è il testo­ste­rone che ini­bi­sce le capa­cità ripro­dut­tive del bulbo pili­fero, ral­len­tando la sua attività.

Per­ché alcune capi­glia­ture sono rade?

La qua­lità e la quan­tità dei capelli sono scritte nel nostro patri­mo­nio gene­tico. Nel tempo però si pos­sono veri­fi­care dei cam­bia­menti dovuti all’invecchiamento o a cause debi­li­tanti. Una dimi­nu­zione della quan­tità dei capelli col pas­sare del tempo è nor­male come pure la ten­denza al natu­rale assottigliamento.

L’argomento si pre­senta molto vasto, con que­sto post abbiamo solo ini­ziato ad adden­trarci nel com­plesso mondo della caduta dei capelli!