La cal­vi­zie fem­mi­nile col­pi­sce ogni anno un numero sem­pre cre­scente di donne, cau­sando forte pre­oc­cu­pa­zione e ansia nella per­sona inte­res­sata, che nutre imba­razzo nel rela­zio­narsi con gli altri. Per una donna per­dere i capelli è un muta­mento molto trau­ma­tico, mag­gior­mente rispetto al sesso maschile, anche se altret­tanto inde­si­de­rato, non si rico­no­sce più la pro­pria imma­gine e si teme di essere con­si­de­rate meno fem­mi­nili. Nella società d’oggi, infatti, l’immagine per una donna conta molto.

La caduta dei capelli nella donna può avve­nire per diverse cause, gene­ti­che e non, e in par­ti­co­lari momenti della vita come ad esem­pio dopo il parto. La gra­vi­danza è uno dei periodi più impor­tanti e belli per una donna, il fisico cam­bia radi­cal­mente, e così anche tutti i suoi pro­cessi, per acco­gliere una nuova vita ma una delle con­tro­in­di­ca­zioni più pro­ba­bili è la caduta dei capelli. Una grande quan­tità di donne per­dono i capelli subito dopo il parto poi­ché la gra­vi­danza porta con sé degli scom­pensi ormo­nali repen­tini che influi­scono pro­prio sulla chioma.

Si può pre­ve­nire la cal­vi­zie femminile?

Ci sono diversi trat­ta­menti tri­co­lo­gici e pro­dotti igie­nici spe­ci­fici che si pos­sono intra­pren­dere e usare per risol­vere alcune delle cause più fre­quenti della caduta dei capelli. Tra que­ste ricordiamo:

  • Iper­pro­du­zione di sebo;
  • For­fora;
  • Cute secca.

La cura e l’igiene dei capelli sono impor­tanti per pre­ve­nire il dira­da­mento della chioma e man­te­nerla bella e sana. Per que­sto si con­si­glia di effet­tuare fre­quenti lavaggi set­ti­ma­nali, anche tutti i giorni se neces­sa­rio, per eli­mi­nare su cuoio capel­luto e capelli tutte quelle sostanze che nor­mal­mente vi si depo­si­tano ostruendo i fol­li­coli piliferi.

Evi­tare di sot­to­porsi a trat­ta­menti este­tici per capelli inva­sivi come tinte, sti­ra­ture troppo aggres­sive che potreb­bero com­pro­met­tere la strut­tura del capello e inde­bo­lirlo. Si sug­ge­ri­sce, inol­tre, di seguire una dieta ali­men­tare sana e bilan­ciata, dimi­nuendo l’assunzione di alcol, zuc­cheri e cibi troppo grassi.

Infine, la pre­ven­zione gioca un ruolo fon­da­men­tale per anti­ci­pare la cal­vi­zie fem­mi­nile di tipo non gene­tico e seguendo que­ste sem­plici regole si man­tiene la chioma forte e in salute. Qua­lora invece si dovesse notare una caduta dei capelli o dira­da­mento ecces­sivo e pro­lun­gato nel tempo si con­si­glia di con­sul­tare uno spe­cia­li­sta per indi­vi­duare le cause e stu­diare una tera­pia adatta.