I capelli grassi sono un feno­meno abba­stanza comune, ma non per que­sto poco fasti­dioso per­ché i capelli appa­iono non ordi­nati e tra­san­dati e que­sto influi­sce sull’aspetto este­tico della per­sona, ma non solo, se non trat­tato ade­gua­ta­mente l’eccesso di grasso può cau­sare seri pro­blemi ai nostri capelli, com­por­tando in alcuni casi addi­rit­tura la caduta dei capelli. Come com­bat­tere que­sto fenomeno?

I capelli grassi sono dovuti ad una pro­du­zione ecces­siva di sebo oleoso pro­ve­niente dalle ghian­dole seba­cee, il sebo nor­mal­mente funge da pro­te­zione del fusto dei capelli dagli agenti esterni ma quando que­sto diventa abbon­dante, può com­pro­met­tere il benes­sere della chioma, è impor­tante non sot­to­va­lu­tare il feno­meno e inda­gare quali pos­sono esserne le cause.

Qua­lora si trat­tasse di un pro­blema non pato­lo­gico, in alcuni casi, i rimedi pos­sono essere i diversi.

Di seguito qual­che con­si­glio con­tro i capelli grassi:

  1. sce­gliere sham­poo deli­cati e natu­rali –> un pro­dotto troppo aggres­sivo por­te­rebbe all’intensificazione dell’attività delle ghian­dole seba­cee aumen­tando così la pro­du­zione di sebo. Alcuni ele­menti natu­rali aiu­tano a rie­qui­li­brare la pro­du­zione di grasso come ad esem­pio l’ortica, lo zolfo, la rucola, la betulla, il gine­pro e l’edera, pro­dotti con que­sti com­po­nenti faci­li­tano l’igienizzazione della cute e con­tra­stano il grasso;
  2. fare fre­quenti lavaggi set­ti­ma­nali –> l’aumento del lavag­gio e l’utilizzo di una maschera puri­fi­cante, come quelle che con­ten­gono argilla, sono impor­tanti per man­te­nere cuoio e capelli puliti e liberi da sco­rie e bat­teri. Hanno pro­prietà posi­tive gli infusi di zen­zero, di rosma­rino, di timo, di camo­milla e di menta;
  3. non asciu­gare i capelli ad ele­vate tem­pe­ra­ture –> l’aumento della tem­pe­ra­tura del phon flui­di­fica il sebo sulla cute incre­men­tan­done la produzione;
  4. con­trol­lare l’alimentazione –> una dieta cor­retta e non ricca di grassi con­tri­bui­sce alla salute dei capelli. Si con­si­glia di assu­mere cibi che con­ten­gono omega 3 e omega 6 come il pesce azzurro, sal­mone e noci; vita­mina C e E come agrumi ed aspa­ragi; vita­mina A come l’uovo e la ver­dura verde; vita­mina B4 come carne, patate e cereali. Sono invece da evi­tare insac­cati, lat­ti­cini, fritti e ali­menti troppo grassi;
  5. evi­tare mas­saggi pro­lun­gati al cuoio capel­luto –> que­sti vanno a sti­mo­lare le ghian­dole seba­cee e la con­se­guente for­ma­zione di grasso.

Se si dovesse notare che, nono­stante que­sti accor­gi­menti, la pro­du­zione di sebo rimane abbon­dante e si accom­pa­gna ad un evi­dente dira­da­mento dei capelli, si con­si­glia di rivol­gersi tem­pe­sti­va­mente a degli spe­cia­li­sti per dei trat­ta­menti tri­co­lo­gici mirati a risol­vere il problema.

Con­clu­dendo, è fon­da­men­tale riba­dire che il pro­blema dei capelli grassi non è sola­mente este­tico ma si tratta di un’anomalia del cuoio capel­luto che può dan­neg­giare la chioma e pro­vo­care addi­rit­tura la caduta dei capelli, quindi non sot­to­va­lu­tate il problema!

Photo Cre­dit: prontocapelli.it