Avere la chioma stres­sata e poco curata è segno che qual­cosa non va e non è da sot­to­va­lu­tare il rischio che si corre. Esi­stono delle solu­zioni per ren­dere i capelli sani e forti, ecco alcuni accorgimenti.

Se si tira un capello dalle due estre­mità prima di rom­persi leg­ger­mente si allunga. E tanto più è ela­stico tanto meglio resi­sterà al “test”. L’elasticità è una delle carat­te­ri­sti­che dei capelli forti, ma non l’unica. Infatti forza signi­fica salute e que­sta deve essere man­te­nuta con cure spe­ci­fi­che, ali­men­ta­zione cor­retta e stile di vita sano.

II capello ha una strut­tura simile a quella di un albero e come que­sto deve rice­vere nutri­mento dalle radici e cure dall’esterno. Dal bulbo, ben pian­tato nel cuoio capel­luto, il capello assorbe il nutri­mento. Il fusto è la parte visi­bile ed è for­mato da un cuore di mate­ria capil­lare, e da una “cor­tec­cia” costi­tuita da squame sovrap­po­ste. Que­sta parte esterna più è com­patta più il capello è setoso, lumi­noso, ela­stico. Men­tre alla parte interna si devono con­si­stenza ed energia.

STRATEGIE COMBINATE
L’alimentazione giu­sta
C’è un nesso fra l’alimentazione quo­ti­diana e la salute dei capelli: essi sono costi­tuiti da pro­teine solide, come la che­ra­tina (in una per­cen­tuale com­presa fra il 65 e il 95%) e per il resto da acqua, lipidi, pig­menti ed oli­goe­le­menti. È per­ciò neces­sa­rio for­nire attra­verso il cibo il giu­sto “nutri­mento” indi­spen­sa­bile alla loro for­ma­zione e al man­te­ni­mento della loro salute, a par­tire da que­sti nutrienti: glu­cidi, pro­teine, vita­mine, grassi, mine­rali. Ad esem­pio è impor­tante sapere che, essendo la che­ra­tina dei capello com­po­sta da due ammi­noa­cidi essen­ziali, la cistina e la lisina, pre­senti nelle carni, nel pesce, nel fegato, nella sel­vag­gina e in alcuni tipi di ver­dure, per inte­grarle ed evi­tare di vedere i capelli più fra­gili, sec­chi, sot­tili o meno vapo­rosi, occor­re­rebbe man­giare alter­na­ti­va­mente carni bian­che o rosse, e pesce almeno due volte alla set­ti­mana.
Impor­tanti sono anche gli zuc­cheri inte­grali (nel pane, nella pasta, in tutti i tipi di cereali). Atten­zione ai grassi, da con­su­mare con mode­ra­zione, e alle vita­mine, da assu­mere invece in abbon­danza, man­giando frutta e ver­dura fre­sche almeno una volta al giorno. Indi­spen­sa­bili anche il ferro, che serve per l’ossigenazione dei tes­suti, lo zinco, il magne­sio e infine il rame, che par­te­cipa al pro­cesso di com­po­si­zione della mela­nina, pro­teina che colora il capello.

L’importanza dei cosme­tici
Nella cura dei capelli, soprat­tutto di quelli inde­bo­liti e sfi­brati, è di fon­da­men­tale impor­tanza insieme all’alimentazione la cura costante con i pro­dotti ade­guati.
I pro­dotti oggi dispo­ni­bili sono capaci di pene­trare in pro­fon­dità e ripa­rare la fibra capil­lare resti­tuen­dole vita e idra­ta­zione, ma anche di agire sulla guaina esterna e ripa­rare la super­fi­cie del fusto, ricom­pat­tando le cuti­cole: fre­nando la disper­sione di acqua e la pene­tra­zione di inqui­na­mento e sostanze dan­nose si ren­dono i capelli lucidi, forti e resistenti.

Vizi e abitudini

  1. Non fumare: il fumo di siga­retta, oltre a sciu­pare la pelle, rende i capelli opa­chi e deboli.
  2. Usare il phon a una tem­pe­ra­tura tie­pida: se si usa troppo caldo si asciuga subito la parte esterna e l’umidità rimane dentro.
  3. Non toc­care con­ti­nua­mente i cap­pelli: attor­ci­gliare le cioc­che alle dita e tirarle favo­ri­sce il cre­spo e la com­parsa delle dop­pie punte.

TRUCCHI DEL MESTIERE
Se non avete l’abitudine di fare la piega dal par­ruc­chiere ogni set­ti­mana, chie­dete come dovete pro­ce­dere per farla a casa. Pia­stra e pro­dotti per la cura e lo sty­ling fanno mira­coli, ma biso­gna saperli usare cor­ret­ta­mente: fatevi inse­gnare qual­che accor­gi­mento o segreto dei mestiere che vi per­met­te­ranno di otte­nere un buon risul­tato anche da sole.