Avete pro­blemi di caduta dei capelli, for­fora, grasso e/o pru­rito? Il con­trollo tri­co­lo­gico è utile per appro­fon­dire le cause di even­tuali ano­ma­lie di cuoio capel­luto e capelli.

Vediamo nello spe­ci­fico di che cosa si tratta!

Il con­trollo tri­co­lo­gico per­mette di indi­vi­duare even­tuali ano­ma­lie che inte­res­sano cute e capelli e che, nel tempo, potreb­bero cau­sare pro­blemi di: per­dita di capelli, capelli grassi, capelli fra­gili e sec­chi, for­fora ed anche alo­pe­cia, lo spe­cia­li­sta sarà in grado di stu­diare i fat­tori sca­te­nanti e pro­porre even­tuali trat­ta­menti per risol­vere il pro­blema. Infatti, lo stu­dio delle cause è il primo passo per agire con effi­ca­cia sulle con­se­guenze e cal­mie­rare il fenomeno.

Come fun­ziona il con­trollo tricologico?

Per prima cosa è oppor­tuno indi­vi­duare il cen­tro tri­co­lo­gico al quale rivol­gersi e fis­sare un primo appun­ta­mento. Uno spe­cia­li­sta effet­tuerà il con­trollo che si arti­cola di norma nelle seguenti fasi:

  1. Rac­colta dati e infor­ma­zioni –> attra­verso un col­lo­quio con l’interessato l’esperto rac­co­glie infor­ma­zioni sul pro­blema, la sua com­parsa, lo svi­luppo, i sin­tomi oltre a rico­struire la sto­ria cli­nica della per­sona con par­ti­co­lare atten­zione alle abi­tu­dini igieniche.
  2. Moni­to­rag­gio –> attra­verso un mac­chi­na­rio appo­sito s’ispeziona lo stato di cute e capelli e si ricer­cano even­tuali ano­ma­lie. In que­sta fase lo spe­cia­li­sta potrà indi­vi­duare i fat­tori che hanno gene­rato il problema.
  3. Test tri­co­lo­gici –> si pos­sono ese­guire dei test tri­co­lo­gici per appro­fon­dire ulte­rior­mente la valu­ta­zione e veri­fi­care l’entità del feno­meno. Ovvia­mente ci sono diversi test non inva­sivi ai quali è pos­si­bile sot­to­porsi ma solo, il tri­co­logo sarà in grado di indi­care quali pos­sono essere più indicati.
  4. Responso finale –> la fase finale del con­trollo con­si­ste nel responso dell’esperto, che darà sug­ge­ri­menti ed indi­cherà pos­si­bili trat­ta­menti per risol­vere o arre­stare il pro­blema riscon­trato. È impor­tante pre­ci­sare che i trat­ta­menti pos­sono essere di natura stru­men­tale oppure con­si­stere in trat­ta­menti topici oppure essere una com­bi­na­zione tra entrambi.

È dove­roso pre­ci­sare che prima di vedere qual­che miglio­ra­mento si deve dar modo ai trat­ta­menti di agire ecco per­ché alla base di una solu­zione effi­cace vi è la cor­retta puli­zia del cuoio capel­luto. I con­trolli suc­ces­sivi saranno utili, infatti, per veri­fi­care i pro­gressi otte­nuti e sta­bi­lire il trat­ta­mento adeguato.