Oggi vi par­lia­mo di come pren­der­vi cura dei vostri capel­li ric­ci. Pro­ba­bil­men­te i più com­pli­ca­ti da gesti­re, si vor­reb­be aver­le per­fet­ti, defi­ni­ti, fluen­ti e sani come quel­li che si vedo­no nel­le pub­bli­ci­tà, men­tre mol­to spes­so ci ritro­via­mo una chio­ma sec­ca, anno­da­ta, cre­spa e disor­di­na­ta.
Vedia­mo insie­me come aiu­tar­li ed aiu­tar­ci, soste­nen­do­li con sostan­ze natu­ra­li ed ese­guen­do il più cor­ret­ta­men­te pos­si­bi­le la fase del lavag­gio.

Ini­zia­mo dal­lo sham­poo. Cosa deve con­te­ne­re per aiu­tar­ci a soste­ne­re il nostro ric­cio e non sfi­brar­lo? Semi di lino, kari­tè e aloe sono i più indi­ca­ti in quan­to aiu­ta­no la strut­tu­ra; pote­te aggiun­ge­re un cuc­chiai­no ad un sham­poo neu­tro e il gio­co è fat­to.

Per quan­to riguar­da la cre­ma, per i capel­li ric­ci è fon­da­men­ta­le l’uso di una buo­na cre­ma pri­va di sili­co­ni. Il sili­co­ne infat­ti imper­mea­bi­liz­za il capel­lo, pri­van­do­lo del nutri­men­to neces­sa­rio, che non rie­sce a pene­tra­re il fusto, e que­sto por­ta ai comu­ni capel­li sfi­bra­ti che, in una chio­ma ric­cia, si tra­sfor­ma­no nel tan­to odia­to effet­to cre­spo. Se pos­sia­mo con­si­glia­re un aiu­to natu­ra­le, in que­sto caso vi con­si­glia­mo di appli­ca­re un cuc­chiai­no di mie­le.

Un’altra doman­da che spes­so ci si pone è: come, quan­do e quan­to pet­ti­na­re i capel­li. La rispo­sta è una: dopo aver­li lava­ti, da bagna­ti e con deli­ca­tez­za. In que­sto modo si evi­te­rà un approc­cio aggres­si­vo che può por­ta­re allo spez­zar­si del capel­lo.

E come van­no asciu­ga­ti i capel­li ric­ci? Van­no tam­po­na­ti con un asciu­ga­ma­no, non striz­za­ti e arro­to­la­ti in quan­to potrem­mo spez­zar­li. Il phon, con dif­fu­so­re, va poi pun­ta­to a tem­pe­ra­tu­re bas­se per evi­ta­re di dan­neg­gia­re la squa­ma­tu­ra del capel­lo e alte­ra­re l’equilibrio del cuo­io. L’aria cal­da infat­ti favo­ri­sce il for­mar­si di gras­so sul­la cute che potreb­be dare quel­le effet­to a cioc­che unte, vera­men­te non gra­de­vo­le.

Oltre a que­ste rego­le d’aiuto nel­la quo­ti­dia­ni­tà, come pos­sia­mo aiu­ta­re i nostri capel­li se sono sfi­bra­ti e cre­spi? Un inter­ven­to “d’urto” potreb­be esse­re un impac­co all’avocado e mie­le da usa­re al posto del­la con­sue­ta cre­ma. Mesco­la­te la pol­pa di un avo­ca­do con un cuc­chiai­no di olio d’oliva e un cuc­chiai­no di mie­le. Appli­ca­te que­sta masche­ra fai da te dopo lo sham­poo, copri­te con una cuf­fia di pla­sti­ca e lascia­te in posa per 15 minu­ti. Al ter­mi­ne ese­gui­te un risciac­quo abbon­da­te, i risul­ta­ti saran­no imme­dia­ti.

Ecco i nostri con­si­gli per pren­der­vi cura dei vostri capel­li ric­ci, pro­va­te­li e fate­ci sape­re!

Pho­to Cre­dit: beauty.pianetadonna.it