L’obbiettivo dell’articolo di oggi è fare chia­rezza. Fac­ciamo chia­rezza tra due feno­meni tanto comuni, quanto all’apparenza simili, ma che non distin­guere potrebbe aggra­vare: la der­ma­tite sebor­roica e la forfora.

Cosa sono?

La der­ma­tite sebor­roica è un’anomalia del derma, e può inte­res­sare non solo la cute, ma anche le soprac­ci­glia, le ascelle, schiena, viso e inguine. Si mani­fe­sta come un infiam­ma­zione che col­pi­sce que­ste zone pro­vo­cando arros­sa­mento, la for­ma­zione di squame gial­la­stre o bian­che, cro­sti­cine e il cuoio può dolere, con­tem­po­ra­nea­mente vi è un eccesso di pro­du­zione di sebo.

La for­fora invece è, più sem­pli­ce­mente, uno stato ano­malo della cute che pro­voca il for­marsi di squa­mette bian­ca­stre e sec­che sulla cute.

Da cosa sono provocate?

Que­ste ano­ma­lie dei capelli hanno alcune cause comuni ed alcune peculiari.

La der­ma­tite sebor­roica e la for­fora, pos­sono essere pro­vo­cate da stress, pro­blemi inte­sti­nali, ali­men­ta­zione ricca di grassi saturi, l’abuso di sham­poo aggres­sivi, di lac­che e di gel.

La der­ma­tite sebor­roica può, inol­tre, avere sia una com­po­nente gene­tica di ano­ma­lie del sistema immu­ni­ta­rio e di pro­du­zione ormo­nale, che sfo­cia nella iper-produzione di sebo.

La for­fora invece è cau­sata da un ricam­bio troppo veloce delle cel­lule epi­te­liali, che pro­voca una con­ti­nua desqua­ma­zione in larga scala, che porta all’ostruzione dei follicoli.

Entrambi i disturbi non sono con­ta­giosi, o deri­vanti da virus e non è quindi pos­si­bile la tra­smis­sione tra­mite contatto.

Quali sono le prin­ci­pali dif­fe­renze tra la der­ma­tite sebor­roica e la forfora?

La der­ma­tite sebor­roica e la for­fora hanno due tipi di mani­fe­sta­zioni solo all’apparenza simili, infatti, men­tre la der­ma­tite sebor­roica è un infiam­ma­zione del cuoio capel­luto, la for­fora è una desqua­ma­zione di esso. Non fac­cia­moci trarre in inganno dalla più comune mani­fe­sta­zione, la desqua­ma­zione, ossia tro­vare un po’ di sca­gliette bian­che sulle spalle; la dif­fe­renza tra le due pato­lo­gie sta nelle sue mani­fe­sta­zioni più profonde.

Per cap­tare la dif­fe­renza tra l’una e l’altra è però neces­sa­rio rivol­gersi ad un occhio esperto. La fase della dia­gnosi è la più deli­cata, in quanto una cura per l’altra malat­tia potrebbe pro­vo­care l’aggravarsi della situa­zione e l’aumento dello squi­li­brio del cuoio capelluto.

Que­ste pato­lo­gie pro­vo­cano la caduta dei capelli?

La der­ma­tite sebor­roica non è causa diretta della caduta dei capelli, può diven­tarlo se non curata a dovere, ma non è una delle cause note della calvizie.

La for­fora, invece, ostruendo la cute e i fol­li­coli, è una delle prin­ci­pali cause della caduta dei capelli, in quanto que­sti sono inta­sati dalla for­ma­zione della pelle secca e si inde­bo­li­ranno fino a cadere via.

Cosa fare quando per­ce­piamo i primi sin­tomi di una que­ste patologie?

Le cose prin­ci­pali da fare, appena ci ren­diamo conto di avere uno dei sin­tomi che potreb­bero ricon­durre alla der­ma­tite sebor­roica o la for­fora, sono due: chia­mare un tri­co­logo, per un’analisi appro­fon­dita del capello e, nel men­tre, tenere il più pulito pos­si­bile la vostra cute, lavan­dole quo­ti­dia­na­mente con uno sham­poo delicato.

Photo Cre­dit: beauty.pianetadonna.it/