Chie­diamo al nostro tri­co­logo: esi­ste un legame tra testo­ste­rone e per­dita dei capelli?

No. Nell’uomo la caduta dei capelli non dipende da una con­cen­tra­zione mag­giore di testo­ste­rone, ossia l’ormone maschile per eccel­lenza, poi­ché l’alo­pe­cia andro­ge­ne­tica dipende invece mag­gior­mente dall’aumento e dalla sen­si­bi­lità dei ricet­tori del testo­ste­rone nelle cel­lule del fol­li­colo pili­fero, dove nasce il capello. Esi­ste un enzima che regola la con­ver­sione del testo­ste­rone in dii­dro­te­sto­ste­rone (DHT), il 5-alfa redut­tasi, non si è a cono­scenza ancora in che misura que­sto possa inci­dere nel mani­fe­starsi della cal­vi­zie andro­ge­ne­tica, ma sem­bra che gio­chi un ruolo attivo, in quanto tende a intos­si­care il fol­li­colo pili­fero e nel tempo lo minia­tu­rizza sem­pre più ren­dendo il capello fra­gile e molto sot­tile. La situa­zione, se non curata tem­pe­sti­va­mente, può aggra­varsi mag­gior­mente fino ad arri­vare alla per­dita dei capelli.

Si può per que­sto affer­mare che la cal­vi­zie andro­ge­ne­tica non dipende diret­ta­mente dal testo­ste­rone ma dall’enzima che lo tra­sforma, se real­mente le due cose fos­sero col­le­gate allora i cam­pioni di cul­tu­ri­smo che ne fanno un uso mas­sic­cio, dovreb­bero essere calvi, ma così non è.

Tra le cause dell’alopecia vi sono la gene­tica, la sta­gio­na­lità e altri fat­tori quali l’alimentazione, l’ambiente ma non il testo­ste­rone. La caduta dei capelli, infatti, nor­mal­mente si accen­tua durante i cambi sta­gio­nali come in pri­ma­vera e autunno, per que­sto si con­si­glia di seguire una dieta ali­men­tare ricca di anti­os­si­danti, assunti tra­mite frutta e ver­dura, di sostanze come il ferro, lo zinco e altri oli­goe­le­menti fon­da­men­tali per la sin­tesi della che­ra­tina, un ele­mento prin­ci­pale dei capelli.

Nel caso si dovesse notare una per­dita di capelli cospi­cua e pro­tratta nel tempo, si con­si­glia di rivol­gersi a cen­tri spe­cia­liz­zati nello stu­dio delle tri­co­pa­tie del cuoio capel­luto per un con­sulto immediato.

Photo Cre­dit: content-farm.it