Oggi ten­te­re­mo di rispon­de­re ad un que­si­to estre­ma­men­te attua­le e sem­pre più ricor­ren­te negli ulti­mi anni: esse­re vege­ta­ria­no pro­vo­ca la cadu­ta dei capel­li?

Affron­te­re­mo que­sto tema, come giu­sto che sia, man­te­nen­do­ci al di sopra del­le par­ti e sen­za pren­de­re posi­zio­ne, e lo ana­liz­ze­re­mo solo dal pun­to di vista tri­co­lo­gi­co, cer­can­do di dar­vi del­le rispo­ste e del­le even­tua­li solu­zio­ni ad even­tua­li pro­ble­mi che potre­mo sco­pri­re nel cor­so di que­sta nostra ana­li­si.

Innan­zi­tut­to, cer­chia­mo di defi­ni­re in manie­ra esat­ta cosa signi­fi­ca esse­re vege­ta­ria­ni e cosa com­por­ta que­sta scel­ta ali­men­ta­re: il ter­mi­ne “vege­ta­ri­smo”, secon­do la defi­ni­zio­ne dell’IVU, con­si­ste in una die­ta com­po­sta da ali­men­ti deri­va­ti da pian­te, con o sen­za lat­ti­ci­ni, uova e/o mie­le, com­pren­den­do quin­di lac­to-ovo vege­ta­ri­smo, lac­to vege­ta­ri­smo, ovo vege­ta­ri­smo e vega­ni­smo. Al con­tra­rio, in manie­ra non cor­ret­ta, la con­sue­tu­di­ne comu­ne defi­ni­sce come “vege­ta­ri­smo” la die­ta lac­to-ovo (LOV) e “vega­ni­smo” la die­ta stret­ta­men­te vege­ta­ria­na. Il pun­to comu­ne di tut­ti que­sti tipi di ali­men­ta­zio­ne è la non assun­zio­ne di car­ne, pol­la­me e pesce; varia­no poi l’una dall’altra prin­ci­pal­men­te per il rigo­re nei con­fron­ti dei deri­va­ti ani­ma­li, qua­li appun­to lat­te, uova, mie­le.

Una die­ta vege­ta­ria­na può quin­di, ine­vi­ta­bil­men­te, pro­vo­ca­re la cadu­ta dei capel­li se fat­ta con poca atten­zio­ne e sen­za varia­re e stu­dia­re alter­na­ti­ve per ave­re un’alimentazione com­ple­ta e sana.

Ma se fat­ta cor­ret­ta­men­te, non vi è moti­vo per cui il vege­ta­ri­smo pos­so infi­cia­re sul­la salu­te dei capel­li.

Vedia­mo quin­di come sosti­tui­re quegl’elementi soli­ta­men­te assun­ti tra­mi­te ali­men­te di ori­gi­ne ani­ma­le che sono diret­ta­men­te coin­vol­ti nel­la salu­te dei nostri capel­li.

  • VITAMINE: Per la salu­te dei capel­li le vita­mi­ne sono impor­tan­tis­si­me. Le prin­ci­pa­li sono l vita­mi­na H (chia­ma­ta anche bio­ti­na) che aiu­ta a pre­ve­ni­re la cadu­ta. Gene­ral­men­te è pre­sen­te nel­le uova e nei lat­ti­ci­ni, ma pote­te facil­men­te tro­var­la anche nel cioc­co­la­to, nel lie­vi­to di bir­ra e nel riso.
    Le vita­mi­ne del grup­po B, inve­ce, aiu­ta­no a man­te­ne­re cute e lun­ghez­ze sane e splen­den­ti, e per inte­grar­le vi con­si­glia­mo di man­gia­re mol­ti cerea­li, ger­mi di gra­no e yoghurt.
    Per quan­to riguar­da il grup­po A, che si occu­pa prin­ci­pal­men­te del­la salu­te del cuo­io capel­lu­to, con­si­glia­mo l’assunzione di pap­pa rea­le, agliotaras­sa­co.
  • PROTEINE, ZINCO E FERRO: Que­ste sono le sostan­ze che più facil­men­te pos­so­no veni­re meno in una die­ta vege­ta­ria­na o vega­na, poi­ché pre­sen­ti prin­ci­pal­men­te nel­la car­ne. Per aggi­rar­ne la man­can­za, che va ad influi­re diret­ta­men­te su la salu­te del­la strut­tu­ra dei nostri capel­li, con­si­glia­mo di aggiun­ge­re alle nostre abi­tu­di­ni ali­men­ta­ri frut­ta sec­ca, in par­ti­co­la­re noci, man­dor­le, ana­car­di e noci pecan, miglio, fagio­li e cerea­li inte­gra­li.
  • CALCIO: anche il cal­cio è fon­da­men­ta­le per la salu­te dei nostri capel­li, e – al di là del pen­sie­ro comu­ne – non sono con­te­nu­ti solo nei lat­ti­ci­ni di ori­gi­ne ani­ma­le. Pos­sia­mo infat­ti tro­var­li anche in man­dor­lenoc­cio­le, fichi, dat­te­ri e nel tofu. Infi­ne, uti­le a sop­pe­ri­re a que­sta caren­za, è l’assunzione di lat­te di soia al posto di quel­lo di ori­gi­ne bovi­na o ovi­na.

In que­sta nostra pano­ra­mi­ca, spe­ria­mo di aver­vi dato un aiu­to con­cre­to sul come poter far con­vi­ve­re una die­ta vege­ta­ria­no o vega­na, sen­za rinun­cia­re ad ave­re dei capel­li sani.

Pho­to Cre­dit: http://mangiarebuono.it