L’estate ormai è arri­vata, le tem­pe­ra­ture sono sem­pre più alte e le vacanze si avvi­ci­nano, come pro­teg­gere la nostra chioma in que­sto periodo? I raggi solari, il vento, la sal­se­dine pos­sono met­tere a dura prova i nostri capelli, ecco per­ché è impor­tante pro­teg­gerli e pren­der­sene cura nel migliore dei modi! Tra gli agenti che pos­sono dan­neg­giare la salute dei nostri capelli, rien­tra anche il cloro della piscina, soprat­tutto nei mesi caldi si trova un po’ di refri­ge­rio in piscina ma la con­ti­nua espo­si­zione al cloro può ren­derli opa­chi, sec­chi e fragili.

Il cloro è una sostanza usata come disin­fet­tante nelle piscine, la sua con­cen­tra­zione può essere dif­fe­rente da strut­tura a strut­tura ed essere quindi più o meno aggres­siva per i nostri capelli. Il cloro, infatti, per le sue carat­te­ri­sti­che altera il ph della pelle, ren­dendo sec­chi e disi­dra­tati cuoio capel­luto e capelli. La prima parte del capello a essere aggre­dita è la cuti­cola, ossia lo strato più esterno, for­mata da sot­ti­lis­sime cel­lule tra­spa­renti che hanno fun­zione pro­tet­tiva della cor­tec­cia. Inol­tre, il cloro eser­cita anche un’azione deco­lo­rante facendo virare la tona­lità dei capelli, per il biondo verso il verde e il castano verso il rosso. In aggiunta, vi sono anche altri ele­menti in piscina che pos­sono inci­dere sul film idro­li­pi­dico della cute, ren­dendo il cuoio capel­luto e i capelli più sog­getti e sen­si­bili alle aggres­sioni esterne, e quindi meno lucidi e inclini a spezzarsi.

È fon­da­men­tale pren­dere delle pre­cau­zioni prima di tuf­farsi in piscina ed effet­tuare ade­guati lavaggi dopo il bagno.

Quali sono gli accor­gi­menti da seguire per non rovi­nare la chioma?

  1. Indos­sare la cuf­fia –> si con­si­glia di sce­gliere una cuf­fia imper­mea­bile per evi­tare di esporre i capelli al cloro, soprat­tutto se si pra­ti­cano atti­vità fre­quenti in piscina.
  2. Sciac­quare i capelli –> dopo ogni immer­sione sciac­quare i capelli con acqua dolce per togliere una prima parte di cloro dalla chioma.
  3. Lavare i capelli con rego­la­rità –> dopo ogni seduta in piscina igie­niz­zare i capelli con sham­poo non troppo aggres­sivi per non com­pro­met­tere la chioma e ren­derla ulte­rior­mente fra­gile. Appli­care sem­pre il bal­samo ad ogni lavag­gio per man­te­nere idra­tati i capelli.
  4. Distri­buire sulla chioma un pro­dotto con­di­zio­nante –> dopo ogni lavag­gio distri­buire un pro­dotto con­di­zio­nante per sigil­lare le cuti­cole del capello e ren­derlo più liscio e disci­pli­nato con­tra­stando l’umidità pre­sente nell’aria.

Infine, seguendo que­sti pic­coli accor­gi­menti si pos­sono evi­tare danni irre­pa­ra­bili alla nostra chioma. Nel caso il pro­blema dovesse pre­sen­tarsi e peg­gio­rare nel tempo si con­si­glia di rivol­gersi ad uno spe­cia­li­sta per un check up dello stato di salute di cuoio capel­luto e capelli.