Oggi vogliamo foca­liz­zarci su una delle strade alter­na­tive che la natura ci mette a dispo­si­zione per pren­derci cura dei nostri capelli, per cer­care di rispon­dere ai primi segnali d’allarme che da essi ci ven­gono lan­ciati o sem­pli­ce­mente per trat­tarli ogni giorno con atten­zione e rispetto: oggi vi par­le­remo di oli essen­ziali per la cura dei capelli.

Innan­zi­tutto ci preme fare una pre­messa su quello che vi andremo a con­si­gliare: cosa sono gli oli essen­ziali? In che modo eser­ci­tano i loro bene­fici sul nostro organismo?

Gli oli essen­ziali sono sostanze che ven­gono estratte diret­ta­mente dalle piante e sono quella che viene defi­nita la sostanza reale della pianta, ciò che ne deter­mina il pro­fumo. Da ogni pianta si pos­sono estrarre uno o più oli essen­ziali, in quan­tità diversa a seconda del tipo e della parte da cui di estrae. Non si tratta di veri e pro­pri oli quanto piut­to­sto di sostanze vola­tili e odo­rose che si disperdono.

Essi ven­gono uti­liz­zati prin­ci­pal­mente nell’aromaterapia, con lo scopo di sti­mo­lare attra­verso i loro diversi pro­fumi spe­ci­fici neu­ro­tra­smet­ti­tori del nostro orga­ni­smo; ma pos­sono venire uti­liz­zati anche per mas­saggi diret­ta­mente sulla parte del corpo di cui ci si vuole pren­dere cura, sfrut­tando l’effetto pro­prio che ogni essenza vege­tale esercita.

Gli oli essen­ziali per il trat­ta­mento dei capelli pos­sono venir con­si­de­rati come un vero e pro­prio toc­ca­sana poi­ché agi­scono diret­ta­mente alla base del capello, nutren­doli e pro­teg­gen­doli dagli agenti esterni. Non vanno uti­liz­zati puri ma diluiti in un olio vet­tore che può essere scelto in base alle carat­te­ri­sti­che della pro­pria cura; i più comuni sono l’olio di man­dorle dolci, l’olio di jojoba, l’olio di semi di lino, ma potete uti­liz­zare qual­siasi tipo di olio, pre­fe­ri­bil­mente di ori­gine natu­rale. Potete, inol­tre, diluire gli oli essen­ziali all’interno dello sham­poo che uti­liz­zate quo­ti­dia­na­mente e uti­liz­zarli sia per il lavag­gio, che per impac­chi, che per il mas­sag­gio della cute.

Ora vi vogliamo elen­care i prin­ci­pali oli essen­ziali utili alla cura dei vostri capelli cer­cando di illu­strarvi som­ma­ria­mente in quali situa­zioni uti­liz­zarli e quali bene­fici potrete trarne.

  • Olio di Ylang Ylang: è utile nel trat­ta­mento della cute grassa e di un cuoio capel­luto stres­sato per le sue pro­prietà leni­tive, rilas­santi e tonificanti.
  • Olio di limone: è ottimo per i capelli grassi, la for­fora e i pidoc­chi in quanto svolge un’importante fun­zione sebo-regolatrice e sgras­sante. Dona inol­tre un effetto lucido e bril­lante ai capelli, il che lo rende adatto anche all’utilizzo su capelli sec­chi e spenti.
  • Olio di Rosma­rino: è indi­cato quando con capelli fra­gili e deboli per com­bat­terne la caduta per­ché sti­mola la cir­co­la­zione favo­rendo l’apporto di ossi­geno ai tes­suti e la ricre­scita dei capelli.
  • Olio di Gera­nio: anch’esso indi­cato in caso di capelli deboli o fra­gili, è il modo migliore per cer­care di rin­for­zarli nor­ma­liz­zando la pro­du­zione di sebo; inol­tre li pro­tegge dagli agenti esterni come smog, cloro e sole.
  • Olio essen­ziale di lavanda: adatto nella lotta alla for­fora, è comun­que con­si­gliato per tutti i tipo di capelli per­ché sti­mola la cre­scita, dona lucen­tezza e pre­viene le dop­pie punte.
  • Olio di Camo­milla: è utile a com­bat­tere la sec­chezza del cuoio capel­luto e il pru­rito che da essa deriva poi­ché calma le irri­ta­zioni; è inol­tre ottimo nella pre­ven­zione delle dop­pie punte.
  • Olio di Tea Tree: è con­si­gliato per i capelli grassi, per la for­fora e per alcune irri­ta­zioni cau­sate da fun­ghi poi­ché con la sua azione astrin­gente riduce il pro­dotto oleoso del cuoio capel­luto; svolge inol­tre un’azione sebo-regolatrice.
  • Olio di Mirra: è da uti­liz­zare in caso di for­fora secca e squa­mosa e di cuoio capel­luto molto sen­si­bile per la sua deli­ca­tezza; è utile anche per rin­for­zare i capelli fragili.
  • Olio di Cedro: per le sue pro­prietà anti­set­ti­che, anti­se­bor­roi­che e astrin­genti è uti­liz­zato in rela­zione a una mol­te­pli­cità di pro­blemi der­ma­to­lo­gici, per le infe­zioni del cuoio capel­luto e per la forfora.
  • Olio di menta pipe­rita: alle­via la sen­sa­zione di pru­rito dovuta alla cute secca; sti­mola inol­tre la cre­scita pre­ve­nendo al con­tempo la perdita.

Abbiamo cer­cato di darvi una pano­ra­mica abba­stanza ampia di oli essen­ziali per la cura dei capelli, ci preme ricor­dare che que­ste solu­zioni natu­rali pos­sono essere vera­mente utili nelle fasi ini­ziali di qual­siasi pic­cola ano­ma­lia sia del cuoio capel­luto che delle lun­ghezze, non sono solu­zioni defi­ni­tive che pos­sono sosti­tuire l’utilizzo di even­tuali pro­dotti spe­ci­fici con­si­gliati da un tri­co­logo, ma non hanno alcun tipo di con­tro­in­di­ca­zione per cui…perché non provare?

Photo Cre­dit: bigodino.it