La cura dei capelli del neo­nato è essen­ziale ed è impor­tante ren­dere il momento dello sham­poo una espe­rienza pia­ce­vole per il vostro bimbo.

Secondo gli esperti, i bam­bini svi­lup­pano tutti i fol­li­coli pili­feri nei primi sei mesi di per­ma­nenza nel grembo materno. Tal­volta si può addi­rit­tura notare una leg­gera cre­scita di capelli dall’ecografia. Ad ogni modo, c’è una grande varia­bi­lità nella quan­tità di capelli che un bimbo può avere alla nascita, infatti, alcuni nascono già con una folta e robu­sta capi­glia­tura, altri quasi com­ple­ta­mente privi di capelli. I geni­tori di neo­nati senza, o con pochi, capelli non devono pre­oc­cu­parsi: ricor­da­tevi che ogni bam­bino si svi­luppa in modo diverso e la cre­scita dei capelli di vostro figlio rag­giun­gerà pre­sto quella degli altri bambini.

Nella mag­gior parte dei casi, al momento della nascita i bimbi hanno una sof­fice pelu­ria sulla testa. Entro alcuni mesi que­sta pelu­ria ini­ziale lascia il posto ad una capi­glia­tura fatta di capelli più spessi. Anche se il vostro bam­bino con­ti­nua a non avere molti capelli durante il primo anno di vita, è comun­que impor­tante man­te­nere pulito il suo cuoio capel­luto per aiu­tare la cre­scita dei capelli. . Alcuni sosten­gono che rasare i pochi capelli pre­senti possa favo­rire la cre­scita di una capi­glia­tura piena e più forte. Non c’è nes­suna prova di que­sto. Tutt’al più si può avere l’impressione che i capelli cre­scano più velocemente.

Può capi­tare che sul cuoio capel­luto del vostro bam­bino si pre­sen­tino chiazze rosse e pelle squa­mosa. Que­sto feno­meno è cono­sciuto con il nome di “cro­sta lat­tea” ed è gene­ral­mente nor­male. A volte il vostro dot­tore può con­si­gliare una pomata a base di cor­ti­sone, ma nella mag­gior parte dei casi il pro­blema può essere risolto con il lavag­gio rego­lare e l’uso di uno sham­poo deli­cato adatto ai bambini.

A volte ci si può anche pre­oc­cu­pare notando che il bam­bino può avere meno capelli nella zona della nuca. Que­sto feno­meno è abba­stanza dif­fuso tra i neo­nati e dipende essen­zial­mente dalla posi­zione assunta nella culla. Il con­si­glio è quello di cam­biare spesso la posi­zione del neo­nato durante il sonno per favo­rire la cre­scita dei capelli. Nor­mal­mente il bam­bino durante il sonno ten­derà a girarsi verso la mamma in maniera natu­rale. Cer­care di ruo­tare la posi­zione del bam­bino di notte in notte, favo­ri­rebbe anche la cre­scita dei capelli nelle zone che si appog­giano più spesso al cuscino.

Quando ci si prende cura dei capelli di un neo­nato la cosa più impor­tante è ricor­darsi di essere estre­ma­mente deli­cati. Dato che i bimbi di que­sta età hanno pochi capelli, non c’è alcun biso­gno di lavarli tutti i giorni. Basta farlo quando è neces­sa­rio o lasciar pas­sare un po’ di giorni tra un lavag­gio e l’altro. Ricor­da­tevi inol­tre di essere molto cauti quando toc­cate le zone molli della testa del bam­bino. Una buona idea è quella di pet­ti­nare dol­ce­mente il vostro bimbo prima dello sham­poo, per rimuo­vere più facil­mente impu­rità e grovigli.

La scelta dello sham­poo è un altro aspetto impor­tante per i neo-genitori. Molti scel­gono sham­poo spe­ciali per bam­bini che non irri­tano gli occhi. Que­sti pro­dotti sono senza sol­fati, sostanze che si tro­vano nella mag­gior parte degli sham­poo per adulti. Biso­gna però con­si­de­rare che gli sham­poo per bam­bini hanno di solito un pH più ele­vato, che può favo­rire cre­spo­sità e ruvi­dità nella capi­glia­tura. Una opzione pos­si­bile in que­sto caso è quella di usare uno sham­poo spe­ci­fico per bam­bini quando vostro figlio è ancora molto pic­colo e i suoi capelli sono corti, per pas­sare in seguito ad uno sham­poo ultra-delicato via via che i suoi capelli crescono.

Il con­si­glio più dif­fuso è pro­prio quello di con­si­de­rare i capelli del neo­nato come “prov­vi­sori” e quindi di non pre­oc­cu­parsi ecces­si­va­mente. In caso di evi­denti irri­ta­zioni o situa­zioni par­ti­co­lari è bene affi­darsi ai con­si­gli di un medico.