I pidoc­chi sono dei pic­co­li inset­ti paras­si­ti, che vivo­no media­men­te 1 – 3 mesi e si nutro­no di san­gue uma­no e sebo attra­ver­so del­le pic­co­le pun­tu­re che pro­vo­ca­no irri­ta­zio­ne e for­te pru­ri­to.

I pidoc­chi sono gran­di cir­ca 2 – 4 mil­li­me­tri e pos­so­no infe­sta­re il capo, il cor­po in gene­ra­le ed il pube. Natu­ral­men­te è mol­to faci­le tro­va­re que­sti paras­si­ti in gran­di comu­ni­tà e sopra­tut­to in luo­ghi fre­quen­ta­ti da mol­te per­so­ne.

Le fem­mi­ne depo­si­ta­no 250300 uova det­te len­di­ni in un mese che si attac­ca­no al capel­lo con una sostan­za col­lo­sa. Le uova si schiu­do­no in 7 – 10 gior­ni.

Nel cuo­io capel­lu­to si pos­so­no tro­va­re con­tem­po­ra­nea­men­te pidoc­chi adul­ti e uova. I pidoc­chi con­tra­ria­men­te alle cre­den­ze popo­la­ri non vola­no e non pos­so­no spo­star­si se non con un con­tat­to rav­vi­ci­na­to di qual­che secon­do.

I pidoc­chi si mani­fe­sta­no con un inten­so pru­ri­to al capo. Come già det­to sono inset­ti mol­to pic­co­li, di colo­re gri­gio-bian­ca­stro, e le cui uova sono più pic­co­le del­la testa di uno spil­lo.

I pun­ti del­la testa in cui i pidoc­chi e le uova si anni­da­no più facil­men­te e più spes­so sono: die­tro le orec­chie, nucatem­pie.

Di fon­da­men­ta­le impor­tan­za è non con­fon­de­re le uova con la for­fo­ra. Per vede­re subi­to la dif­fe­ren­za basta agi­ta­re i capel­li o uti­liz­za­re il pet­ti­ne pas­san­do­lo tra i capel­li, le uova riman­go­no ben anco­ra­te, inve­ce la for­fo­ra si sol­le­va imme­dia­ta­men­te.

Per cura­re que­sta pato­lo­gia si deve sce­glie­re la cura anti­pe­du­co­lo­si più adat­ta. I trat­ta­men­ti si basa­no prin­ci­pal­men­te sull’utilizzo topi­co di sham­poo, lozio­ni e cre­me. Atten­zio­ne per­chè in com­mer­cio ci sono pre­pa­ra­ti con­te­nen­ti pro­dot­ti anti­pa­ras­si­ta­ri e inset­ti­ci­di, che pre­sen­ta­no un cer­to livel­lo di tos­si­ci­tà e che pos­so­no pro­vo­ca­re rea­zio­ni aller­gi­che.

La cura deve esse­re pro­trat­ta per un cer­to perio­do di tem­po e pos­so­no non esse­re suf­fi­cien­ti alcu­ne set­ti­ma­ne, il meto­do miglio­re per eli­mi­na­re defi­ni­ti­va­men­te le uova sem­bra esse­re la rimo­zio­ne manua­le.

Esi­ste anche un nuo­vo pidoc­chio che vie­ne chia­ma­to mutan­te. I pidoc­chi sono capa­ci di evol­ver­si da gene­ra­zio­ne a gene­ra­zio­ne; que­sta muta­zio­ne può impe­di­re ai tra­di­zio­na­li trat­ta­men­ti di esse­re effi­ca­ci al 100 per cen­to. Sem­pre più fre­quen­te­men­te, come è acca­du­to in Usa, Inghil­ter­ra e in Ita­lia, i pidoc­chi sem­bra­no svi­lup­pa­re mec­ca­ni­smi di resi­sten­za nei con­fron­ti degli inset­ti­ci­di, cosic­chè i trat­ta­men­ti risul­ta­no inef­fi­ca­ci.

I con­si­gli da segui­re sono: disin­fet­ta­re le len­zuo­la, gli abi­ti, i tes­su­ti che sono sta­ti a con­tat­to con i pidoc­chi lavan­do­li a 60 gra­di. Se non si può lava­re tut­to è oppor­tu­no chiu­de­re per due set­ti­ma­ne i tes­su­ti in un sac­chet­to di pla­sti­ca.
Aspi­ra­re diva­ni, pol­tro­ne e cusci­ni e get­ta­re via il sac­chet­to dell’aspirapolvere.
Evi­ta­re di scam­bia­re ogget­ti per­so­na­li, come sal­viet­te, pet­ti­ni ecc.
Non è neces­sa­rio taglia­re i capel­li a zero.