Per ave­re una chio­ma liscia mol­te don­ne ricor­ro­no alla pia­stra per capel­li, per doma­re capel­li mos­si e ric­ci ribel­li. In com­mer­cio esi­sto­no pia­stre di vario tipo: in cera­mi­ca, agli ioni, di accia­io inox. È mol­to impor­tan­te saper­la usa­re cor­ret­ta­men­te ma anche sce­glie­re quel­la più adat­ta alle pro­prie esi­gen­ze e ai pro­pri capel­li.

Biso­gna pre­sta­re mol­ta atten­zio­ne alla scel­ta del­la pia­stra, sul mer­ca­to ci sono infat­ti pia­stre per tut­ti i tipi di capel­li e di tut­ti i prez­zi. Pro­prio per que­sto è neces­sa­rio infor­mar­si bene e valu­ta­re una serie di carat­te­ri­sti­che e fun­zio­na­li­tà del­lo stru­men­to per non fare una scel­ta sba­glia­ta. Pro­via­mo a sin­te­tiz­za­re le carat­te­ri­sti­che che dovreb­be ave­re una buo­na pia­stra per capel­li.

La Regolazione della Temperatura

La rego­la­zio­ne del­la tem­pe­ra­tu­ra è fon­da­men­ta­le per que­sto stru­men­to per­ché la tem­pe­ra­tu­ra del­la pia­stra deve varia­re a secon­da del tipo di capel­lo. Più alta se i capel­li sono spes­si e ric­ci (fino a 200°C) e più bas­sa se i capel­li sono sot­ti­li e mos­si o già lisci (cir­ca 150 – 180°C). Per ritoc­ca­re è bene abbas­sa­re la tem­pe­ra­tu­ra rispet­to a quan­do la si uti­liz­za per la pri­ma sti­ra­tu­ra.

La Dimensione della Piastra

La dimen­sio­ne del­la pia­stra liscian­te è un fat­to­re da non tra­scu­ra­re. Più la pia­stra sarà pic­co­la e leg­ge­ra, più sarà faci­le uti­liz­zar­la e sem­pli­ce da tra­spor­ta­re. Biso­gna però valu­ta­re la lun­ghez­za del­le pia­stre inter­ne. È bene sce­glie­re una via di mez­zo, non trop­po pic­co­la ma nep­pu­re trop­po gran­de e ingom­bran­te, oppu­re valu­ta­re in base alla lun­ghez­za dei pro­pri capel­li.

Il Rivestimento in Ceramica

Non tut­te le pia­stre sono rive­sti­te in cera­mi­ca. Le pia­stre che pre­sen­ta­no que­sto rive­sti­men­to (o in tor­ma­li­na) sono con­si­de­ra­te le miglio­ri per­ché rispet­ta­no mag­gior­men­te i capel­li uni­for­man­do mag­gior­men­te in calore.La cera­mi­ca e la tor­ma­li­na fan­no scor­re­re meglio la pia­stra sul­la capi­glia­tu­ra, chiu­do­no le squa­me del capel­lo, ne rispet­ta­no mag­gior­men­te la strut­tu­ra e dona­no più lucen­tez­za ai capel­li.

La Piastra a Ioni

Le pia­stre a ioni costa­no più del­le pia­stre clas­si­che ma offro­no meno con­tro­in­di­ca­zio­ni. Que­ste pia­stre rovi­na­no meno i capel­li, gli ioni ren­do­no i capel­li meno elet­tri­ci. La pia­stra agli ioni rila­scia infat­ti una serie di par­ti­cel­le che ren­do­no i capel­li più bril­lan­ti e mor­bi­di. Que­sta carat­te­ri­sti­ca non è indi­spen­sa­bi­le ma aiu­ta i capel­li a sop­por­ta­re sen­za trop­po stress la sti­ra­tu­ra.

Que­ste sono le carat­te­ri­sti­che che deve ave­re una pia­stra per capel­li, il costo può varia­re ma soli­ta­men­te per una buo­na pia­stra per capel­li si aggi­ra intor­no ai 70 euro. Con­ti­nua­te a seguir­ci per­ché le pros­si­me set­ti­ma­ne vi spie­ghe­re­mo come uti­liz­zar­la cor­ret­ta­men­te ed evi­ta­re pro­ble­mi dei capel­li cau­sa­ti dal­la sti­ra­tu­ra.