Oggi vi voglia­mo intro­dur­re ad uno dei pos­si­bi­li rime­di natu­ra­li alla cal­vi­zie andro­ge­ne­ti­ca: la Sere­noa Repens.

Pri­ma di illu­strar­vi le pro­prie­tà e i bene­fi­ci di que­sta pian­ta voglia­mo sot­to­li­nea­re che le spe­ri­men­ta­zio­ni sul­la Sere­noa ine­ren­ti la cadu­ta dei capel­li sono anco­ra in una fase pri­mor­dia­le e quel­li che ripor­tia­mo sono solo gli esi­ti del­le pri­me som­mi­ni­stra­zio­ni avve­nu­te.

La Sere­noa Repens, det­ta anche saw pal­met­to, è una pal­ma nana – non supe­ra i 3 metri di altez­za- che cre­sce negli sta­ti del­la costa atlan­ti­ca meri­dio­na­le degli Sta­ti Uni­ti, nel Sud Euro­pa e nell’Africa del Nord. Que­sta pian­ta pro­du­ce bac­che di colo­re ros­so scu­ro, mono­se­me, simi­li ad oli­ve ed è usa­ta da oltre 200 anni per cura­re le infe­zio­ni dell’apparato uri­na­rio e dell’ipertrofia pro­sta­ti­ca.

Di recen­te gli stu­dio­si han­no ini­zia­to ad ana­liz­za­re l’effetto del­la Sere­noa in rela­zio­ne alla cadu­ta dei capel­li con riscon­tri posi­ti­vi. Sem­bra infat­ti che que­sta pian­ta, assun­ta sot­to for­ma di inte­gra­to­re o di fia­le, pro­du­ca rea­zio­ni mol­to simi­li a quel­li del­la fina­ste­ri­de, far­ma­co usa­to nor­mal­men­te per com­bat­te­re l’alopecia andro­ge­ne­ti­ca. Le sostan­ze con­te­nu­te nel­la Sere­noa inter­ven­go­no sul ciclo di tra­sfor­ma­zio­ne del testo­ste­ro­ne in DHT (dii­dro­te­sto­ste­ro­ne) agen­do sull’enzima che ope­ra la sin­te­tiz­za­zio­ne del pri­mo, l’enzima 5-alfa redut­ta­si, e ral­len­tan­do così il pro­ces­so. Il DHT è l’ormone più poten­te del nostro orga­ni­smo e ope­ra in manie­ra 4 – 5 vol­te più poten­te di quan­to fac­cia il testo­ste­ro­ne da cui pren­de sostan­za. Sui capel­li il DHT pro­vo­ca la minia­tu­riz­za­zio­ne: agen­do sui fol­li­co­li li rim­pic­cio­li­sce cau­san­do così la cre­sci­ta di capel­li sem­pre più debo­li, le evi­den­ti stem­pia­tu­re e la sebor­rea, uno dei segni più tan­gi­bi­li dell’alopecia.

I risul­ta­ti che fino­ra si han­no non sono suf­fi­cien­ti a soste­ne­re l’efficacia tota­le del­la Sere­noa nel­la lot­ta all’alopecia, ma il 40% dei sog­get­ti affet­ti dal­la malat­tia, sot­to­po­sti al trat­ta­men­to, ha mostra­to un evi­den­te miglio­ra­men­to del­le pro­prie con­di­zio­ni.

Ad oggi non si può affer­ma­re che l’effetto del­la Sere­noa sia para­go­na­bi­le a quel­lo del­la fina­ste­ri­de, ma è altret­tan­to vero che non lo sono nep­pu­re gli effet­ti col­la­te­ra­li. È risa­pu­to infat­ti che un trat­ta­men­to a base di fina­ste­ri­de può pro­vo­ca­re facil­men­te nell’uomo un calo del­la libi­do e disfun­zio­ne eret­ti­le, con­tro­in­di­ca­zio­ni che è dimo­stra­to non esse­re cau­sa­te dal­la Sere­noa.

Ci tro­via­mo quin­di di fron­te ad un bivio: fun­zio­na o non fun­zio­na? Ten­ta­re o meno?

Dal nostro pun­to di vista vi con­si­glia­mo di fare una valu­ta­zio­ne, anche bana­le, del­la vostra situa­zio­ne per capi­re se vi tro­va­te in uno sta­to ini­zia­le o avan­za­to di cadu­ta di capel­li. Nel caso abbia­te nota­to da poco le pri­me stem­pia­tu­re o le pri­me cadu­te ano­ma­le può vale­re la pena affi­dar­si in pri­ma bat­tu­ta ad un rime­dio natu­ra­le come la Sere­noa Repens per com­bat­te­re la cal­vi­zie maschi­le sen­za effet­ti col­la­te­ra­li, piut­to­sto che pas­sa­re imme­dia­ta­men­te ad un trat­ta­men­to d’urto.

Pho­to cre­dit: http://www.jennerfarmaceutici.it/