Tra gli obiet­ti­vi di un Blog come il nostro vi è anche quel­lo di fare una giu­sta infor­ma­zio­ne riguar­do l’incidenza sul­la salu­te che pos­so­no ave­re alcu­ne pra­ti­che come la tin­ta per capel­li in gra­vi­dan­za. Risul­ta dove­ro­so affer­ma­re con deci­sio­ne che le tin­tu­re per capel­li in gra­vi­dan­za sono for­te­men­te scon­si­glia­te. Il dub­bio che atta­na­glia mol­te don­ne in sta­to inte­res­san­te è sta­to chia­ri­to dagli esper­ti in più occa­sio­ni. Sap­pia­mo benis­si­mo come una don­na ten­ga alla sua imma­gi­ne e bel­lez­za, ma per ave­re dei capel­li tin­ti e lucen­ti è meglio atten­de­re la nasci­ta del figlio.

Il pro­ble­ma è sul­la ripe­ti­zio­ne del­la tin­ta, che avvie­ne ogni ogni mese. Il cuo­io capel­lu­to vie­ne espo­sto alla sostan­za dan­no­sa per mol­te vol­te nel cor­so dei 9 mesi di gesta­zio­ne. Il con­si­glio è anda­re dall’erborista e cer­ca­re una solu­zio­ne natu­ra­le, addi­rit­tu­ra vege­ta­le, sen­za colo­ran­ti chi­mi­ci e peri­co­lo­si.

Un esem­pio può esse­re la tin­tu­ra che sva­ni­sce con lo sham­poo, que­sta non pene­tra nell’organismo e quin­di non met­te a rischio com­pli­ca­zio­ni nel nasci­tu­ro.

Gene­ral­men­te le tin­tu­re per­ma­nen­ti non ven­go­no con­si­glia­te in gra­vi­dan­za. I cosid­det­ti “col­pi di sole”, inve­ce, che non inte­res­sa­no il cuo­io capel­lu­to allon­ta­na­no il peri­co­lo di assor­bi­men­to di sostan­ze noci­ve per via trans­der­mi­ca.

Cer­ca­te di pen­sa­re alla crea­tu­ra che ave­te in grem­bo e non pre­oc­cu­pa­te­vi, vostro mari­to o il vostro com­pa­gno vi ame­rà anche con i capel­li bian­chi.