Una delle cre­denze più dif­fuse e sba­gliate è pen­sare che lavare la pro­pria chioma con una certa fre­quenza possa cau­sare la caduta dei capelli, nulla di più sba­gliato. Al con­tra­rio non igie­niz­zare i capelli e tra­scu­rare la loro igiene può dan­neg­giare vera­mente la capi­glia­tura. La puli­zia di cuoio capel­luto e capelli è molto impor­tante, que­sta dev’essere fatta uti­liz­zando i pro­dotti giu­sti per la pro­pria per­sona, si con­si­glia di sce­gliere sham­poo, bal­samo e altri pro­dotti che non con­ten­gano nelle loro for­mu­la­zioni sali, sili­coni e petro­lati, sostanze che ren­dono grassi o sec­cano i capelli. La ten­denza degli ultimi mesi è quella dello sham­poo secco per evi­tare di lavare i capelli ogni giorno e velo­ciz­zare l’operazione, in realtà si sug­ge­ri­sce di ese­guire il lavag­gio come di con­sueto sce­gliendo al mas­simo uno sham­poo deli­cato per­ché più efficace.

È pre­fe­ri­bile lavare la chioma tutti i giorni o al mas­simo a giorni alterni per evi­tare che la spor­ci­zia si depo­siti sul cuoio capel­luto, infatti, que­sto soli­ta­mente viene rive­stito da uno strato di grasso e sporco e la sua sedi­men­ta­zione potrebbe pro­vo­care anche pru­rito molto forte. Grat­tare la cute con fre­quenza ed ener­gi­ca­mente potrebbe pro­vo­care lesioni alla stessa, favo­rire infe­zioni e altre pato­lo­gie, e addi­rit­tura il dan­neg­giare i bulbi pili­feri. La fre­quenza del lavag­gio dipende soprat­tutto dalle con­di­zioni di vita della per­sona e dalle sue carat­te­ri­sti­che fisi­che, ad esem­pio chi vive in città ha la neces­sità di igie­niz­zarli più spesso per rimuo­vere lo smog e la pol­vere dalla chioma, chi pra­tica sport deve lavarli tutti i giorni per eli­mi­nare il sudore, chi invece ha uno stile di vita più seden­ta­ria ma ha i capelli grassi, deve lavarli comun­que con una certa costanza.

I pro­dotti igie­nici, come lo sham­poo, con­ten­gono dei ten­sioat­tivi di varie cate­go­rie che per­met­tono di creare diverse for­mu­la­zioni: per capelli sec­chi, nor­mali, fini, colo­rati e per curare pro­blemi spe­ci­fici come la for­fora o l’eccesso di sebo e altri. Il ph del pro­dotto è acido, soli­ta­mente 5, anche se sham­poo più spe­ci­fici pos­sono avere un coef­fi­ciente più basso. Si con­si­glia di dedi­care al lavag­gio almeno 4 o 5 minuti per lasciare agire il pro­dotto sulla cute, mas­sag­giare ener­gi­ca­mente e poi sciac­quare con abbon­dante acqua tiepida.

Per­ché quando si lavano i capelli, que­sti cadono in misura maggiore?

Il lavag­gio, essendo un atto mec­ca­nico, pro­voca stro­fi­na­mento ed è quindi nor­male assi­stere a una caduta dei capelli mag­giore, tra l’altro i capelli che si stac­cano durante il lavag­gio si sareb­bero comun­que stac­cati per­ché in fase telo­gen, ultima fase del ciclo di vita del capello.

Infine si può affer­mare che la cura della chioma è un biglietto da visita della per­sona, per­ché capelli spor­chi e maleo­do­ranti non faranno certo una bella impres­sione sul pros­simo, invece una chioma per­fetta, sana e pulita darà un’immagine deci­sa­mente migliore.

Photo Cre­dit: viveremeglio.it