Il rap­por­to tra le don­ne ed i capel­li bian­chi è un rap­por­to mol­to com­pli­ca­to e sen­za vie di mez­zo: ci sono le don­ne che deci­do­no di non com­bat­ter­li e con­vi­ve­re con il pro­prio aspet­to dal­le pri­me “appa­ri­zio­ni” e ci sono – inve­ce – quel­le che ini­zia­no una bat­ta­glia all’ultimo col­po di tin­ta per nascon­der­li e negar­ne l’esistenza.

Non sare­mo di cer­to noi a dir­vi come vive­re il vostro rap­por­to con i capel­li bian­chi, ma voglia­mo offrir­vi qual­che uti­le con­si­glio per ritar­dar­ne la com­par­sa e come com­bat­ter­li sen­za al con­tem­po dan­neg­giar­li.

PERCHÉ SPUNTANO I CAPELLI BIANCHI?

Anche i capel­li, come la pel­le, con­ten­go­no la mela­ni­na, un pig­men­to che con­fe­ri­sce il colo­re ai nostri capel­li. Con il pas­sa­re del tem­po, il pro­ces­so fisio­lo­gi­co di invec­chia­men­to fa sì che que­sta sostan­za dimi­nui­sca len­ta­men­te all’interno del nostro cor­po e pro­vo­chi, quin­di, i pri­mi capel­li deco­lo­ra­ti, ossia bian­chi. Il ciclo di vita dei pro­pri capel­li e il pro­ces­so di esau­ri­men­to del­la mela­ni­na han­no una mar­ca­ta com­po­nen­te gene­ti­ca: guar­da­te i vostri fami­lia­ri e chie­de­te quan­do han­no comin­cia­to a dover ricor­re­re a tin­te siste­ma­ti­che per capi­re quan­do comin­ce­rà ad esse­re anche il vostro tem­po.

SI PUÒ RITARDARNE LA COMPARSA?

Si può ritar­dar­ne la com­par­sa se è di ori­gi­ne pato­lo­gi­ca, ad esem­pio dovu­ta ad uno stress ecces­si­vo, ad un lut­to o a dei trat­ta­men­ti medi­ci par­ti­co­lar­men­te aggres­si­vi. Non è pos­si­bi­le, inve­ce, se si trat­ta del natu­ra­le pro­ces­so di invec­chia­men­to del nostro cor­po.

In linea di mas­si­ma, un ali­men­ta­zio­ne ric­ca di vita­mi­na B può aiu­ta­re nel man­te­ne­re costan­te la pro­du­zio­ne di mela­ni­na, in par­ti­co­la­re la vita­mi­na B5, l’acido pan­to­te­ni­co.

Oppu­re pote­te ricor­re­re a qual­che truc­co del­la non­na, come vi ave­va­mo già con­si­glia­to qui.

COME COMBATTERE I CAPELLI BIANCHI?

Non esi­ste un modo per com­bat­ter­li, ma mol­ti modi per affron­tar­li. La com­par­sa del capel­lo bian­co è un pro­ces­so di per sè qua­si impos­si­bi­le da inver­ti­re ma si può deci­de­re in che modo affron­tar­lo. Negli ulti­mi anni, sem­pre più don­ne deci­do­no di non pre­oc­cu­par­se­ne e lasciar­li spun­ta­re gra­dual­men­te accet­tan­do i pro­pri capel­li bian­chi, por­tan­do­li con fie­rez­za; con­tem­po­ra­nea­men­te vi sono mol­te don­ne che – spa­ven­ta­te dall’evidenza del tem­po che pas­sa – deci­do­no di ricor­re­re a tin­te e trat­ta­men­ti per masche­rar­li. In que­sto caso, però ci sen­tia­mo di dar­vi un con­si­glio, non ricor­re­te a tin­te chi­mi­che, ric­che di ammo­nia­caacqua ossi­ge­na­ta ad alti volu­mi, sostan­ze che pos­so­no dan­neg­gia­re irri­me­dia­bil­men­te il cuo­io capel­lu­to e le lun­ghez­ze.

In qual­si­vo­glia modo deci­dia­te di affron­ta­re que­sto momen­to del­la vita dei vostri capel­li cer­ca­te di sem­pre di pren­der­ve­ne cura, di non bada­re solo all’estetica ma di affian­car­la sem­pre alla salu­te vostra e del­le vostre chio­me e di fare scel­te che non sia­no più dan­no­se che altro. E ricor­da­te­vi: un capel­lo bian­co è pur sem­pre un capel­lo!

Pho­to Cre­dit: dilei.it