Oggi voglia­mo affron­ta­re un argo­men­to mol­to discus­so: olio per capel­li sì, olio per capel­li no. L’olio unge i capel­li o no?

I pun­ti di vista sul­la que­stio­ne sono fon­da­men­tal­men­te due: c’è chi li odia e c’è chi li ama. C’è chi sta ben atten­to a girar­ne alla lar­ga per la pau­ra dell’effetto “unto” che teme pos­sa pro­cu­ra­re l’utilizzo di olio; c’è chi dopo aver ini­zia­to ad usar­lo non ha più smes­so di far­lo.

Ma da cosa dipen­do­no que­sti pun­ti di vista così dif­fe­ren­ti?

È fon­da­men­ta­le dire che gli effet­ti dipen­do­no sia dal tipo di olio, sia dal tipo di capel­li.

In com­mer­cio se ne tro­va­no due macro­fa­mi­glie: quel­li natu­ra­li e quel­li misti sili­co­ni­ci. Gli oli natu­ra­li sono puri al 100% men­tre quel­li misti con­ten­go­no in par­te qual­che sili­co­ne di ori­gi­ne chi­mi­ca. Le vere cul­tri­ci degli oli soli­ta­men­te dif­fi­da­no da que­sti ulti­mi e si affi­da­no com­ple­ta­men­te agli oli puri. Ma per qua­le moti­vo? È sem­pre la soli­ta vec­chia sto­ria: con­te­nu­to o appa­ren­za? Nel­la gran­de mag­gio­ran­za dei casi gli oli sili­co­ni­ci si occu­pa­no sola­men­te dell’estetica dei vostri capel­li, donan­do loro l’effetto pro­mes­so, ma non si pre­oc­cu­pa­no di pren­der­si cura di loro ossia non por­ta­no bene­fi­ci alla loro salu­te.

Non esi­ste l’olio adat­to ad ogni tipo di capel­li, ognu­no ha le sue carat­te­ri­sti­che ed ogni capel­lo le sue; di con­se­guen­za per capi­re qua­le sia l’olio adat­to a voi pro­ba­bil­men­te dovre­te fare diver­se pro­ve fino a tro­va­re il pre­scel­to. Dovre­te valu­tar­ne la pesan­tez­za sui vostri capel­li, la quan­ti­tà oppor­tu­na, gli even­tua­li resi­dui sul­la vostra cute. Un altro fat­to­re che dovre­te valu­ta­re è il tipo di appli­ca­zio­ne che le vostre chio­me pre­di­li­go­no. Gli uti­liz­zi pos­si­bi­li infat­ti sono mol­te­pli­ci: masche­ra e impac­chi pre-sham­poo, bal­sa­mo lea­ve-in sen­za risciac­quo o sui capel­li già asciut­ti. È pos­si­bi­le anche un uti­liz­zo per così dire “occa­sio­na­le” degli oli, per esem­pio come pro­tet­ti­vo nei con­fron­ti dei rag­gi sola­ri e del­la sal­se­di­ne quan­do teme­te che un’esposizione pro­lun­ga­ta pos­sa inde­bo­li­re e dan­neg­gia­re i vostri capel­li. L’olio infat­ti, pur non con­te­nen­do alcun fil­tro sola­re, fun­ge comun­que da scher­ma­tu­ra agli agen­ti ester­ni.

In tut­ti que­sti i casi vi con­si­glia­mo di con­cen­trar­ne la distri­bu­zio­ne sul­le par­ti ter­mi­na­li dei capel­li e sul­le pun­te, limi­tan­do o evi­tan­do com­ple­ta­men­te l’applicazione sul­la cute per evi­tar­ne la “con­ta­mi­na­zio­ne”. Valu­ta­te bene qual è la quan­ti­tà di olio idea­le e, nel caso di masche­re e impac­chi, anche il tem­po di posa.

I prin­ci­pa­li oli natu­ra­li che vi voglia­mo con­si­glia­re sono que­sti:

Olio di coc­co: nutrien­te e ristrut­tu­ran­te, dona mor­bi­dez­za e lucen­tez­za, dota­to di pro­prie­tà anti­fun­gi­ne;

Olio di argan: idra­tan­te e sti­mo­lan­te del­la cre­sci­ta;

Olio di semi di lino: con­si­glia­to solo per chi ha capel­li mol­to sec­chi e sfi­bra­ti o con for­fo­ra poi­ché ten­de ad appe­san­ti­re il capel­lo più di altri oli;

Olio di rici­no: è l’olio più pesan­te di quel­li che vi pre­sen­tia­mo ma è estre­ma­men­te indi­ca­to per capel­li estre­ma­men­te rovi­na­ti, spez­za­ti o stres­sa­ti da per­ma­nen­ti e colo­ra­zio­ni;

Olio di man­dor­le dol­ci: è uno degli oli più com­ple­ti e per que­sto moti­vo lo si tro­va spes­so all’interno di sham­poo e bal­sa­mi;

Olio di Jojo­ba: emol­lien­te, rige­ne­ran­te e idra­tan­te;

Olio di Monoi di Tahi­ti: com­po­sto da olio di coc­co e olio di tia­rè è pro­fu­ma­tis­si­mo e con­si­de­ra­to l’olio d’eccellenza dell’estate per la sua capa­ci­tà di pro­teg­ge­re la cute e la chio­ma dai rag­gi sola­ri;

Olio di maca­da­mia: ric­co di vita­mi­na E, distri­can­te, otti­mo per cura­re i capel­li cre­spi e spen­ti;

Olio di ger­me di gra­no: è un olio abba­stan­za pesan­te ma indi­ca­to per aiu­ta­re i capel­li fra­gi­li, ari­di e sfi­bra­ti.

Olio di mela­leu­ca: det­to anche Tea-tree Oil, è un olio essen­zia­le con pro­prie­tà sebo-nor­ma­liz­zan­ti e anti­bat­te­ri­che.

Ora ave­te tut­te le infor­ma­zio­ni per ini­zia­re la ricer­ca del Vostro Olio, e mi rac­co­man­do… occhio all’etichetta!

Pho­to Cre­dit: carlitadolce.com