Lavare i capelli nel modo cor­retto, seguendo qual­che sem­plice regola, è fon­da­men­tale per pre­ser­varli e man­te­nerli lucidi e in salute.

La fre­quenza dei lavaggi è anch’essa impor­tante per risol­vere pro­blemi di grasso e for­fora, in quanto rimuo­vere il sebo in eccesso o altre sostanze che si depo­si­tano gior­nal­mente è il primo passo per evi­tare futuri peg­gio­ra­menti e difen­dere il benes­sere della chioma. Si con­si­glia, infatti, di lavare i capelli a giorni alterni per una puli­zia cor­retta e di incre­men­tare la fre­quenza se si suda molto, si pra­tica sport o si hanno pro­blemi spe­ci­fici. L’igiene di cuoio capel­luto e capelli è la prima pre­ven­zione con­tro la caduta dei capelli e la com­parsa di fasti­diosi inestetismi.

Un altro fat­tore da non sot­to­va­lu­tare è la scelta dello sham­poo. Per­ché è così impor­tante sce­gliere lo sham­poo corretto?

Esi­stono tipo­lo­gie di sham­poo adatti a risol­vere diversi pro­blemi dei capelli, ad esem­pio sham­poo per capelli grassi, per con­tra­stare la for­fora, con­tro la caduta dei capelli, per capelli sec­chi e fra­gili, oppure adatti a deter­mi­nate carat­te­ri­sti­che della nostra chioma come sham­poo per capelli ricci, lisci, ecc. . Le tipo­lo­gie pre­senti in com­mer­cio sono dav­vero molte e spesso è dif­fi­cile orien­tarsi nella scelta, rischiando di sba­gliare sham­poo, alte­rando a volte l’equilibrio della nostra chioma.

Come sce­gliere lo sham­poo più adatto?

I due ele­menti da con­si­de­rare per sce­gliere lo sham­poo adatto alle nostre esi­genze sono:

  • la qua­lità dei ten­sioat­tivi con­te­nuti (base lavante);
  • il risul­tato cosme­tico finale.

Se lo sham­poo che uti­liz­zate non offre il risul­tato cosme­tico desi­de­rato signi­fica che non è quello adatto e si dovrà cam­biare tipo­lo­gia. In alcuni casi, uti­liz­zare sham­poo sba­gliati per la nostra chioma può pro­vo­care sec­chezza ecces­siva e fra­gi­lità, oppure sti­mo­lare l’iperproduzione di sebo e ren­dere i capelli ancora più grassi. Nel caso di pro­blemi di grasso, for­fora e caduta dei capelli si con­si­glia di con­sul­tare un esperto in mate­ria che attra­verso una visita tri­co­lo­gica accu­rata sarà in grado di indi­vi­duare le cause e pro­porre i pro­dotti igie­nici più adatti per la risoluzione.

Quali sono le carat­te­ri­sti­che gene­rali da valu­tare in uno shampoo?

  • Che non con­tenga ten­sioat­tivi aggres­sivi;
  • Che dia risul­tati cosme­tici evi­denti (bril­lan­tezza, pet­ti­na­bi­lità, mor­bi­dezza, ecc.);
  • Che con­tenga sostanze emol­lienti e idra­tanti.

Nel caso in cui si dovesse risol­vere pro­blemi spe­ci­fici, alle carat­te­ri­sti­che prin­ci­pali si deve aggiun­gere la valu­ta­zione di altre sostanze spe­ci­fi­che come anti­se­bor­roi­che (capelli grassi), che­ra­to­li­che (capelli sec­chi e sfi­brati), anti­mi­co­ti­che (for­fora), antin­fiam­ma­to­rie (for­fora) e anti­os­si­danti. A ogni pro­blema cor­ri­sponde quindi una sostanza spe­ci­fica ido­nea a risol­vere l’inestetismo.