Il pru­rito alla testa può essere dovuto a diversi fat­tori, può essere tem­po­ra­neo oppure per­si­stente in certi periodi. Le cause che lo pro­vo­cano pos­sono essere le più varie, tra queste:

  • der­ma­tite seborroica;
  • sebor­rea;
  • for­fora grassa;
  • pso­riasi;
  • fol­li­co­lite;
  • inqui­na­mento ed altre.

Per prima cosa è fon­da­men­tale cir­co­scri­vere il feno­meno anno­tando se si tratta di un epi­so­dio spo­ra­dico, cro­nico, la durata, l’intensità del pru­rito ed altri para­me­tri. Lo stu­dio e la deter­mi­na­zione delle cause sca­te­nanti con­dur­ranno, infatti, verso la scelta della solu­zione più effi­cace. Per que­sto è oppor­tuno rivol­gersi ad uno spe­cia­li­sta, come un tri­co­logo, per una prima anam­nesi dello stato di salute del cuoio capel­luto ed indi­vi­duare i fat­tori che hanno ori­gi­nato il prurito.

Di seguito qual­che con­si­glio che è buona norma tenere a mente per evi­tare l’insorgere del problema:

  • man­te­nere pulito il cuoio capel­luto effet­tuando lavaggi dei capelli caden­zati secondo le neces­sità, anche tutti i giorni se si suda molto o si ha for­fora o sebo in eccesso. Rimuo­vere ogni impu­rità dal cuoio capel­luto per­met­terà di man­te­nerlo igienizzato.
  • per i lavaggi dei capelli uti­liz­zare pro­dotti igie­nici adatti e non ecces­si­va­mente aggres­sivi per non rischiare di alte­rare l’equilibrio idro­li­pi­dico del cuoio capelluto.
  • risciac­quare a fondo i capelli dopo ogni lavag­gio per essere sicuri di aver eli­mi­nato ogni resi­duo di sham­poo e asciu­garli bene per­ché l’evaporazione dell’acqua potrebbe ren­dere la cute secca e pro­vo­care prurito.
  • bere una giu­sta quan­tità di acqua quo­ti­dia­na­mente non fa bene solo ai capelli ma a tutto il corpo per man­te­nerlo idra­tato nella misura corretta.
  • cer­care di con­durre una vita tran­quilla poi­ché lo stress e il ner­vo­si­smo pos­sono tra­sfor­marsi in cause di pru­rito e caduta dei capelli precoce.
  • uti­liz­zare con par­si­mo­nia pro­dotti cosme­tici per capelli, come gel, lacca ed altri, poi­ché potreb­bero sca­te­nare rea­zioni aller­gi­che e essere irri­tanti per la cute.

Que­sti sono alcuni con­si­gli o norme di com­por­ta­mento da adot­tare quando si ha pru­rito alla testa, anche se è buona norma seguire que­sti sug­ge­ri­menti con costanza e quotidianamente.

Quali sono i rimedi con­tro il pru­rito al cuoio capelluto?

Se il pru­rito dovesse essere cau­sato da abi­tu­dini igie­ni­che sba­gliate, come ad esem­pio lavare troppo poco la chioma e uti­liz­zare sham­poo non giu­sti, per risol­vere que­sto pro­blema sarà suf­fi­ciente cor­reg­gere gli atteg­gia­menti sba­gliati. Qua­lora que­sti gesti diano ori­gine a sebor­rea, for­fora, der­ma­tite sarà neces­sa­rio stu­diare una tera­pia tri­co­lo­gica adatta per agire sull’anomalia e risolverla.

Il dira­da­mento tal­volta può rap­pre­sen­tare un sin­tomo di un pro­blema più cospi­cuo e può anti­ci­pare o accom­pa­gnare la caduta dei capelli. Ecco per­ché è impor­tante inter­ve­nire tem­pe­sti­va­mente e ripor­tare il cuoio capel­luto alle sue nor­mali con­di­zioni. Come anti­ci­pato, si sug­ge­ri­sce di rivol­gersi ad un cen­tro tri­co­lo­gico di fidu­cia per ana­liz­zare la situa­zione e intra­pren­dere una cura adatta.