Oggi vogliamo occu­parci di come pren­dersi cura dei pro­pri capelli uti­liz­zando nel pro­cesso di colo­ra­zione le tinte natu­rali per capelli.

La tin­tura dei capelli è una pra­tica che ha ori­gine anti­chis­sima; si tro­vano infatti i primi cenni ad essa in scritti risa­lenti all’antica Gre­cia, nell’epoca romana e sem­pre di più nelle varie epo­che suc­ces­sive fino ad arri­vare ai giorni nostri. In pas­sato, erano prin­ci­pal­mente usate per scopo este­tico e veni­vano uti­liz­zate per variare la colo­ra­zione dei capelli, per esal­tarne la tona­lità ori­gi­nale o per creare riflessi. Solo in tempi recenti si ini­zia a fare uso delle tinte per celare la com­parsa dei capelli bian­chi. Con la nascita della cosme­tica si è ampliata la gamma di pos­si­bi­lità offerte, ma a disca­pito della natu­ra­lità dei com­po­nenti. Oggi­giorno, infatti, i pig­menti colo­ranti sono coa­diu­vati da una serie di sostanze chi­mi­che, quali l’ammoniaca, l’acqua ossi­ge­nata, il nichel, allu­mi­nio e para­beni. Senza voler esa­ge­rare nel ter­ro­ri­smo psi­co­lo­gico e citare studi che col­le­gano que­sti ele­menti chi­mici a malat­tie gravi, vogliamo evi­den­ziare come que­sti pos­sano sca­te­nare rea­zioni aller­gi­che di varia entità, tra cui der­ma­titi e pro­ble­ma­ti­che a livello del cuoio capel­luto. E’ per que­sto motivo che vogliamo con­cen­trarci su pos­si­bili alter­na­tive natu­rali per la colo­ra­zione dei vostri capelli.

Quali sono que­ste tinte natu­rali per capelli? Dipen­dono, ovvia­mente, dal vostro colore di par­tenza e da quale effetto desi­de­riate otte­nere. La più cono­sciuta, ed una delle migliori, è l’hennè. Esso è una pol­ve­rina giallo-verdastra che viene otte­nuta da foglie e rami tri­tu­rati di un arbu­sto chia­mato Law­so­nia iner­mis: in base alla miscela sele­zio­nata, potrete otte­nere un effetto che va da un ramato molto carico, fino ad arri­vare ad un castano cioc­co­lato. Se invece volete addol­cire il vostro colore di capelli, dan­dovi delle sfu­ma­ture più chiare, oppure dando nuova linfa alle vostre chiome bionde, potrete usare degl’impacchi schia­renti alla camo­milla, altra sostanza natu­rale priva di controindicazioni.

Oltre ad evi­tare le pro­ble­ma­ti­che già evi­den­ziate, le tinte natu­rali per capelli hanno altri vantaggi:

  • Sono uti­liz­za­bili anche dalle donne in dolce attesa, in quanto non con­ten­gono sostanze chi­mi­che che pos­sono recare danno al feto;
  • Non rovi­nano il cuoio capel­luto poi­ché non pro­vo­cano la caduta di capelli;
  • Ne rispet­tano la strut­tura, dan­do­gli una nuova vitalità;
  • Non sono testate su animali.

Non hanno con­tro­in­di­ca­zioni, quindi, cosa aspet­tate a pro­varle?
Photo Cre­dit: tumblr.com