Un anti­os­si­dan­te che pos­sa risol­ve­re i pro­ble­mi lega­ti alla tri­co­til­lo­ma­nia, ter­mi­ne che defi­ni­sce l’abitudine com­pul­si­va a strap­par­si ripe­tu­ta­men­te peli o capel­li.
Può sem­bra­re stra­no, ma que­sto distur­bo col­pi­sce più pre­so­ne di quan­to si pos­sa cre­de­re, mol­te del­le qua­li sono vit­ti­me incon­sa­pe­vol­men­te. Mol­te di que­ste sono per­so­ne sot­to­po­ste a situa­zio­ni stres­san­ti di vita o lavo­ra­ti­ve.

Secon­do un recen­te stu­dio, i cui risul­ta­ti sono sta­ti pub­bli­ca­ti su “Archi­ve of Gene­ral Psy­chia­try”, si pre­su­me che un sup­ple­men­to a base di un ami­noa­ci­do anti­os­si­dan­te, N-Ace­til Cistei­na (NAC), pos­sa esse­re d’aiuto in chi sof­fre di tri­co­til­lo­ma­nia.
Lo stu­dio è sta­to con­dot­to su 50 sog­get­ti affet­ti da tri­co­til­lo­ma­nia sud­di­vi­si in due grup­pi: un pri­mo grup­po di con­trol­lo a cui è sta­to som­mi­ni­stra­to un pla­ce­bo e un secon­do grup­po a cui sono sta­ti som­mi­ni­stra­ti 1.200 mg di NAC al gior­no, per sei set­ti­ma­ne. Dopo que­ste set­ti­ma­ne il dosag­gio è sta­to aumen­ta­to a 2.400 mg gior­na­lie­re. In tota­le lo stu­dio è dura­to dodi­ci set­ti­ma­ne, ma già dopo nove set­ti­ma­ne si è evi­den­zia­to come le per­so­ne appar­te­nen­ti al secon­do grup­po aves­se­ro signi­fi­ca­ti­va­men­te ridot­to l’azione di tira­tu­ra o strap­po di peli e capel­li.
Al ter­mi­ne del­lo stu­dio il 56% dei pazien­ti trat­ta­ti con il sup­ple­men­to di N-Ace­til Cistei­na han­no mostra­to evi­den­ti miglio­ra­men­ti, men­tre nel grup­po di con­trol­lo trat­ta­to con il pla­ce­bo il miglio­ra­men­to si è avu­to uni­ca­men­te nel 16% dei casi.
Secon­do i ricer­ca­to­ri, il NAC agi­sce sui livel­li di glu­tam­ma­to, un com­po­sto chi­mi­co noto per pro­vo­ca­re ecci­ta­zio­ne men­ta­le. Agen­do su que­sta sostan­za su alcu­ne aree del cer­vel­lo, alte­ran­do­ne i livel­li ver­so il bas­so, è pos­si­bi­le aiu­ta­re le per­so­ne affet­te da tri­co­til­lo­ma­nia.

Una solu­zio­ne rea­le?

Pho­to: www.lettera32.info