Spesso le malat­tie della tiroide hanno come sin­tomo capelli fra­gili e sec­chi, che si inde­bo­li­scono e cadono facilmente.

I fol­li­coli capil­lari sono molto sen­si­bili alla salute del nostro orga­ni­smo e ten­dono a ral­len­tare la pro­pria atti­vità in pre­senza di pro­blemi sia psi­chici come lo stress, che fisici come pos­sono essere denu­tri­zioni, infe­zioni, varia­zioni ormo­nali e appunto malat­tie della tiroide.

I pro­blemi della tiroide sono prin­ci­pal­mente due: ipo­ti­roi­di­smo ed iper­ti­roi­di­smo, ed in entrambi i casi i capelli pos­sono essere inte­res­sati e risentirne.

La tiroide è una ghian­dola endo­crina del corpo e si trova nella parte ante­riore del collo,
ed è rego­lata dalla ghian­dola pitui­ta­ria o ipo­fisi, che ha il ruolo di gestire le atti­vità delle altre ghian­dole dell’organismo e quindi l’attività endo­crina e meta­bo­lica dell’organismo.
L’ipotalamo pro­du­cendo l’ormone THR, invia un segnale all’ipofisi che rila­scia l’ormone TSH che serve a rego­lare la quan­tità di ormoni T3 e T4 che la ghian­dola tiroi­dea deve immet­tere nel cir­colo sanguigno.

Con l’ ipo­ti­roi­di­smo e l’ iper­ti­roi­di­smo, rispet­ti­va­mente carenza ed eccesso, la tiroide non rie­sce a rego­lare in modo cor­retto la quan­tità di T3 e T4 nel sangue.

I pro­blemi di capelli legati a que­ste pato­lo­gie sono prin­ci­pal­mente l’aumento della caduta, la fra­gi­lità e l’opacità dei capelli.

Curando la malat­tia alla tiroide spesso viene risolto che il con­se­guente pro­blema di capelli; pur­troppo però alcuni far­maci usati per con­tra­stare iper ed ipo­ti­roi­di­smo pos­sono favo­rire la caduta dei capelli, ed in que­sti casi va ricer­cata la causa e la solu­zione insieme al pro­prio medico.