La for­fora è la mani­fe­sta­zione di un’ano­ma­lia del cuoio capel­luto e, oltre a rap­pre­sen­tare un disa­gio fisico ed este­tico, in alcuni casi può essere accom­pa­gnata anche da un fasti­dioso pru­rito. La for­fora, detta anche piti­riasi, è una lesione desqua­ma­tiva fisio­lo­gica cau­sata da un ricam­bio improv­viso delle cel­lule epi­der­mi­che che non arri­vano a com­pleta matu­ra­zione prima di stac­carsi. Que­sta si mani­fe­sta con sca­glie bian­che o gri­gia­stre che si depo­si­tano su tutto il cuoio capel­luto, cau­sando imba­razzo nella per­sona interessata.

È molto impor­tante inda­gare le cause che pos­sono aver sca­te­nato la for­fora per agire con una tera­pia mirata alla riso­lu­zione del pro­blema. Le cause, come già trat­tato in pre­ce­denza in diversi arti­coli, sono mol­te­plici e il pro­blema potrebbe avere carat­tere tem­po­ra­neo o diven­tare pato­lo­gico, tra que­ste citiamo:

  • Stress;
  • Scarsa igiene;
  • Abuso di pro­dotti estetici;
  • Ali­men­ta­zione non bilanciata;
  • Scom­pensi ormonali;
  • Der­ma­tite seborroica.

Come anti­ci­pato, una volta indi­vi­duata la causa, o le cause, è pos­si­bile inter­ve­nire secondo la tipo­lo­gia di for­fora. Se si tratta di:

  • For­fora occa­sio­nale –> si con­si­glia di pro­ce­dere con una cura tri­co­lo­gica anti­for­fora uti­liz­zando pro­dotti appo­siti con­si­gliati da un esperto;
  • For­fora pato­lo­gica –> il trat­ta­mento indi­cato dal tri­co­logo dovrà essere ripe­tuto cicli­ca­mente secondo le istru­zioni fornite.

Quali sono i rimedi?

Il primo passo da com­piere è rivol­gersi a un Cen­tro Tri­co­lo­gico di fidu­cia per un primo check up della situa­zione, lo stu­dio delle cause e la pre­scri­zione di una cura da seguire. Soli­ta­mente la tera­pia è a base di pro­dotti igie­nici spe­ci­fici per curare la for­fora. Esi­stono diversi pro­dotti anti­for­fora che si dif­fe­ren­ziano gli uni dagli altri per il prin­ci­pio attivo con­te­nuto, ad esem­pio pos­sono contenere:

  • Zinco piri­tone;
  • Acido sali­ci­lico;
  • Sol­furo di selenio.

Si con­si­glia, tra tutti, di:

  • Effet­tuare lavaggi fre­quenti dei capelli, anche tutti i giorni se neces­sa­rio, per eli­mi­narne il fasti­dioso accu­mulo di sebo e squame sulla cute e igienizzarla;
  • Seguire una dieta sana e bilan­ciata che pre­veda il cor­retto apporto di omega-3, anti­os­si­danti, vita­mine B e ammi­noa­cidi solforati;
  • Non abu­sare di pro­dotti cosme­tici per capelli, come ad esem­pio gel, lacca e mousse.

Infine, il pro­blema della for­fora è fasti­dioso e imba­raz­zante però può essere risolto o con­trol­lato seguendo una tera­pia ad hoc indi­cata da un tri­co­logo di fidu­cia, per cui non biso­gna esi­tare a rivol­gersi a spe­cia­li­sti qua­lora si dovesse notare la pre­senza dell’inestetismo.