Giunge in que­sti giorni la noti­zia di alcune ricer­che effet­tuate circa l’applicazione di Pla­sma arric­chito di Pia­strine in grado di risol­vere l’annoso pro­blema della Cal­vi­zie.

Si tratta di uno stu­dio ita­liano effet­tuato presso un cen­tro der­ma­to­lo­gico che ha visto la par­te­ci­pa­zione di 64 sog­getti (uomini e donne) nella fascia d’età tra i 18 e i 64 anni.

Il Pla­sma arric­chito di Pia­strine può essere la soluzione?

Secondo i risul­tati emersi dalle inda­gini con­dotte sul cam­pione ana­liz­zato, pare che l’applicazione del Pla­sma arric­chito di Pia­strine abbia favo­rito un miglio­ra­mento in almeno l’80% dei pazienti che si erano sot­to­po­sti alle cure.

L’intervento è piut­to­sto sem­plice e non com­porta alcun rischio o inte­ra­zione con patologie/cure già in essere. L’applicazione del pla­sma avviene gra­zie ad un pre­lievo ema­tico auto­logo e la suc­ces­siva immis­sione nel cuoio capel­luto a livello dei fol­li­coli. Il Pla­sma arric­chito di Pia­strine sarà in grado di gene­rare alcune pro­teine che sti­mo­le­ranno la pro­du­zione dei fol­li­coli piliferi.

Qual è la solu­zione migliore?

L’intento del blog CadutaDeiCapelli.net è quello di infor­mare e tenere le redini dell’innovazione in que­sto campo. Gra­zie all’esperienza di Hair Cen­ter — Pron­to­ca­pelli i con­si­gli pre­senti sul blog sono testati e con­so­li­dati da anni.

In que­sto senso, sino ad oggi non vi sono asso­lute cer­tezze circa risul­tati sicuri nell’applicazione di Pla­sma arric­chito di Pia­strine e pro­prio per que­sto motivo è oppor­tuno valu­tare atten­ta­mente costi e durata del trattamento.

La solu­zione defi­ni­tiva più sicura al momento è quella del Tra­pianto di Capelli (FUT o FUE). Gra­zie al pre­lievo di una stri­scia di capelli dona­trice dalla nuca, è pos­si­bile tra­pian­tare gli stessi fol­li­coli nelle aree gla­bre. Il risul­tato è garan­tito e i capelli tra­pian­tati non cadono nel tempo.

Per valu­ta­zioni più pre­cise è sem­pre oppor­tuno rivol­gersi a pro­fes­sio­ni­sti del set­tore che sapranno indi­care la strada migliore rispetto ai casi presentati.

Photo Cre­dit: scienze-naturali.it