Per cura­re la cadu­ta dei capel­li ci sono vari meto­di più o meno effi­ca­ci e mol­to diver­si tra loro. L’ultima novi­tà arri­va dall’America e si chia­ma Prp Ht (Pla­te­let rich pla­sma hair the­ra­py): si trat­ta di una tera­pia dei capel­li con pla­sma arric­chi­to di pia­stri­ne, che si sta dif­fon­den­do anche in Ita­lia, per la cura del­la cal­vi­zie .

Que­sta tera­pia è adot­ta dall’istituto Der­mo­pa­ti­co dell’Immacolata di Roma, per la pre­ci­sio­ne pres­so l’ambulatorio di Der­mo­co­sme­to­lo­gia e Fisio­pa­to­lo­gia cuta­nea diret­to dal­la dot­to­res­sa Vale­ria Dan­te che defi­ni­sce que­sta nuo­vo trat­ta­men­to “una solu­zio­ne a meta’ stra­da tra la tera­pia domi­ci­lia­re fat­ta di pil­lo­le e lozio­ni, e il tra­pian­to; ed e’ una solu­zio­ne immo­nu­lo­gi­ca­men­te neu­tra e pri­va di tos­si­ci­ta’ ”.

La Prp Ht si basa sul fat­to che nel bul­bo del capel­lo sono pre­sen­ti del­le cel­lu­le sta­mi­na­li dota­te di recet­to­ri del­la cre­sci­ta, che uni­te con il san­gue ric­co di pia­stri­ne, che a loro vol­ta con­ten­go­no nume­ro­si fat­to­ri capa­ci di favo­ri­re la cre­sci­ta di nuo­vi capel­li.

Il san­gue usa­to per que­sto tipo di trat­ta­men­to è quel­lo del pazien­te, oppor­tu­na­men­te lavo­ra­to in labo­ra­to­rio modo da otte­ne­re il mag­gior nume­ro di pia­stri­ne.

Que­sto trat­ta­men­to è mol­to inno­va­ti­vo che, per esse­re svol­to cor­ret­ta­men­te, neces­si­ta del­la pre­sen­za di un ema­to­lo­go e quin­di può esse­re effet­tua­to solo in ospe­da­le. Que­sta tec­ni­ca oltre a favo­ri­re la cre­sci­ta dei capel­li è uti­le per aumen­ta­re lo spes­so­re dei capel­li stes­si e può esse­re usa­ta sia negli uomi­ni che nel­le don­ne.