Quan­ti sono i gio­va­ni che quo­ti­dia­na­men­te uti­liz­za­no il gel per crea­re stra­va­gan­ti e moder­ne pet­ti­na­tu­re? Mol­tis­si­mi!
A riguar­do ci sono da sfa­ta­re diver­si tabù lega­ti all’errata con­vin­zio­ne che ne scon­si­glia l’uso per­ché cau­se­reb­be l’indebolimento e la per­di­ta di capel­li.
Basti pen­sa­re che la famo­sa attri­ce ame­ri­ca­na Came­ron Diaz, si rifiu­tò di gira­re una sce­na del film “ Tut­ti paz­zi per Mary” per­ché non vole­va met­te­re il gel per capel­li. La Diaz ave­va pau­ra non solo di rovi­na­re la pro­pria imma­gi­ne con pet­ti­na­tu­re biz­zar­re, ma soprat­tut­to di inde­bo­li­re i capel­li. Per for­tu­na cam­biò idea ed oggi si gode il suc­ces­so del film, cha ha spo­po­la­to non solo in Ame­ri­ca, ma anche in Ita­lia..

Il gel entra in con­tat­to sola­men­te con la super­fi­cie del capel­lo e non può pene­tra­re nel fol­li­co­lo, in que­sto modo crea alcun tipo di pro­ble­ma, non può esse­re nem­me­no iden­ti­fi­ca­to come una del­le cau­se del­la cadu­ta dei capel­li. Atten­zio­ne però: dopo mol­te ore dall’applicazione del gel sui capel­li, è con­si­glia­bi­le fare un lavag­gio per con­sen­ti­re alla capi­glia­tu­ra, così come all’epidermide, di respi­ra­re. Un erro­re mol­to comu­ne è anda­re a let­to con i capel­li anco­ra “ingel­la­ti” e sve­gliar­si con miglia­ia di resi­dui, che non fan­no respi­ra­re il cuo­io capel­lu­to.

Un’indicazione impor­tan­te può esse­re quel­la di limi­ta­re le appli­ca­zio­ni quo­ti­dia­ne a pic­co­le quan­ti­tà, in que­sto modo sarà pos­si­bi­le ave­re l’effetto desi­de­ra­to sen­za un sen­so di “appic­ci­ca­tic­cio”. Sui capel­li umi­di potre­te otte­ne­re un effet­to bagna­to, uti­liz­zan­do un fis­sag­gio for­te o extra for­te, dipen­de­rà dal tipo di gel che ave­te acqui­sta­to.
Colo­ro che han­no un tipo di capel­lo mol­to liscio, evi­ti­no di usa­re gel, meglio usa­re spray fis­san­ti o model­lan­ti liqui­di, con pic­co­le quan­ti­tà otter­re­te comun­que un buon effet­to bagna­to.

Met­te­te pure il gel, ma segui­te gli accor­gi­men­ti che vi abbia­mo appe­na dato.

Che ne dite voi fana­ti­ci del gel?