L’acqui­sto della par­rucca è un momento par­ti­co­lar­mente deli­cato e, sotto certi risvolti, impe­gna­tivo, per­ché la per­sona deve poter sce­gliere la tipo­lo­gia che più le è adatta e con cui si sente meglio. I motivi per i quali si acqui­sta una par­rucca sono diversi, tra questi:

  • per sup­plire a un disa­gio este­tico dovuto alla caduta dei capelli (alo­pe­cia, tera­pie far­ma­co­lo­gi­che, e altro);
  • per rin­no­vare il pro­prio look.

Una volta pro­ce­duto con l’acquisto della par­rucca e averla indos­sata in varie occa­sioni, pren­dersi cura di que­sta nel modo giu­sto è fon­da­men­tale, ecco per­ché il lavag­gio è di pri­ma­ria impor­tanza. Non tutti sono a cono­scenza che alcuni gesti sba­gliati durante il lavag­gio potreb­bero com­pro­met­tere la fibra della par­rucca e rovinarla.

Oltre al sem­plice e caden­zato lavag­gio, per rimuo­vere sudore e resi­dui di pro­dotti este­tici, è impor­tante anche sot­to­porre la par­rucca a un trat­ta­mento spe­ci­fico per man­te­nerla bril­lante. Con il tempo e l’uso, infatti, la par­rucca, sia sin­te­tica sia natu­rale, tende a per­dere un po’ di lucen­tezza e ad appa­rire spenta ecco per­ché neces­sita di una luci­da­tura, non si tratta di un sem­plice lavag­gio ma attra­verso dei mac­chi­nari appo­siti viene luci­data e ulte­rior­mente igie­niz­zata. Que­sto per­mette alla vostra par­rucca di durare più a lungo. La par­rucca, infatti, è un inve­sti­mento che si man­tiene nel tempo ed è quindi neces­sa­rio pren­der­sene cura nel modo adatto, seguendo delle sem­plici regole con­si­gliate dagli esperti del settore.

A chi rivol­gersi per avere que­sto servizio?

È suf­fi­ciente rivol­gersi a un cen­tro tri­co­lo­gico spe­cia­liz­zato dove il per­so­nale esperto potrà offrire tutta l’assistenza di cui si neces­sita. È impor­tante spe­ci­fi­care che quest’operazione non può essere fatta a casa per­ché sono neces­sari dei mac­chi­nari appo­siti e degli esperti per rea­liz­zarla e che si sug­ge­ri­sce di com­piere la luci­da­tura almeno 1 volta al mese.

Photo Cre­dit: comefare.donnamoderna.com