Quando si decide di acqui­stare una par­rucca per che­mio­te­ra­pia l’obiettivo dev’essere sce­gliere la tipo­lo­gia per­fetta per ognuno, in modo che la pro­pria imma­gine si avvi­cini il più pos­si­bile a quella ori­gi­na­ria, senza stra­vol­gerla com­ple­ta­mente. Oggi­giorno sono pre­senti nel mer­cato una grande varietà di par­ruc­che, da quelle in capelli natu­rali a quelle sin­te­ti­che, di tutti i colori, stili e prezzi, per que­sto è impor­tante cer­care di orien­tarsi per sce­gliere quella più adatta alle vostre esigenze.

Com’è com­po­sta la parrucca?

La par­rucca è for­mata da:

  • calotta –> ossia la strut­tura interna che va a con­tatto con il cuoio capel­luto. Si pos­sono indi­vi­duare sei zone: l’attac­ca­tura, il top, il vor­tice, la nuca, le basette e i bordi late­rali. La parte a con­tatto diretto con la pelle è com­po­sta di mate­riali anal­ler­gici e tra­spi­ranti, onde evi­tare la com­parsa di fasti­diose irri­ta­zioni cuta­nee. La calotta deve adat­tarsi per­fet­ta­mente alla forma della testa e non creare grinze o tirare ecces­si­va­mente, all’interno ci sono, infatti, delle rego­la­zioni per allar­gare o strin­gere la cir­con­fe­renza. La par­rucca si dif­fe­ren­zia anche in base al tipo di attac­ca­tura, ne esi­stono, infatti, 3: la linea di poliu­re­tano, la seta bio­com­pa­ti­bile e la lace front. Quest’ultima è quella più imper­cet­ti­bile poi­ché la mem­brana supe­riore è tra­spa­rente e nel top i capelli sono appli­cati a mano garan­tendo un effetto più naturale.
  • capelli –> pos­sono essere sin­te­tici oppure natu­rali. Tra le due la par­rucca natu­rale ha un costo più ele­vato. Tra le fibre sin­te­ti­che si deve distin­guere però il mono­filo, ossia una par­rucca in sin­te­tico ma rea­liz­zata con mate­riali più ricer­cati e inno­va­tivi, la cui calotta è lavo­rata arti­gia­nal­mente ed è molto più leg­gera rispetto alle nor­mali in sin­te­tico più eco­no­mi­che. La par­rucca in capelli natu­rali invece richiede mag­giore atten­zione per­ché si può accon­ciare a pro­prio pia­ci­mento come stile e colore, ma la cura dovrà essere la stessa riser­vata ai pro­pri capelli nor­mal­mente. La par­rucca sin­te­tica è creata già con uno stile e colore pre­de­fi­nito, che può essere in parte adat­tato ai gusti della per­sona, ma, anche dopo il con­sueto lavag­gio, man­tiene la piega, risul­tando molto più pra­tica da por­tare e gestire quotidianamente.

Infine, si può affer­mare che non esi­ste una tipo­lo­gia di par­rucca migliore in asso­luto, ma che si deve indi­vi­duare quella più adatta alle sin­gole esi­genze, in que­sto ci si può far aiu­tare da un esperto del set­tore per rice­vere con­si­gli e sug­ge­ri­menti pre­ziosi prima di pro­ce­dere con l’acquisto. Infatti, un pro­fes­sio­ni­sta potrà rispon­dere a tutte le domande, sug­ge­rendo quale par­rucca può essere più adatta ed elen­can­done le carat­te­ri­sti­che prin­ci­pali. Non resta che informarsi!

Photo Cre­dit: donna.nanopress.it