Con l’arrivo della bella sta­gione, la pri­ma­vera è ormai alle porte, le gior­nate fredde lasciano il posto a un clima più mite e al sole. Da que­sto momento in poi, e per tutta la sta­gione estiva, è impor­tante pre­stare atten­zione alla pro­tesi capelli, in quanto i raggi UV del sole potreb­bero cau­sare danni all’infoltimento. I capelli della pro­tesi potreb­bero, infatti, subire una varia­zione di tona­lità verso l’arancione o il rosso, si tratta del feno­meno ossi­da­tivo. Vediamo più nello spe­ci­fico di che cosa si tratta.

Che cos’è l’ossidazione?

L’ossidazione è una rea­zione chi­mica che col­pi­sce sia la fibra sin­te­tica sia il capello natu­rale e agi­sce dan­neg­giando il fusto del capello sot­traendo alcuni pig­menti e ren­dendo il colore sbia­dito e poco lucido. Que­sto è un pro­cesso gra­duale e non improv­viso, più tempo si tra­scorre all’aria aperta espo­nen­dosi ai raggi solari e più que­sti potreb­bero com­pro­met­tere l’aspetto ori­gi­na­rio della pro­tesi capelli.

Quali sono gli effetti dell’ossidazione?

Come anti­ci­pato, la pro­tesi capelli subi­sce una varia­zione di colo­ra­zione che da quella ori­gi­na­ria vira verso il colore rosso. I pig­menti del colore del capello, espo­sti ai raggi solari, assu­mono que­sta tona­lità in virtù pro­prio dell’ossidazione.

Come si può pre­ve­nire l’ossidazione?

Pre­met­tendo che non è pos­si­bile non uscire all’aria aperta ed evi­tare l’esposizione totale al sole, si con­si­glia di non esporsi durante le ore più calde, di indos­sare un cap­pello o ban­dana per evi­tare il con­tatto diretto con i raggi e di uti­liz­zare pro­dotti igie­nici appo­siti con­tro l’ossidazione che con­ten­gano pro­te­zioni UV per bloc­care la mag­gior parte dei raggi nocivi e par­ti­co­lari sostanze anti­os­si­danti. Sicu­ra­mente que­sti pro­dotti saranno in grado di pre­ve­nire il pro­blema e di aiu­tarvi a pro­teg­gere il vostro infoltimento.

Cosa fare nei casi più gravi?

Qua­lora, anche seguendo que­sti sem­plici con­si­gli, la vostra pro­tesi capelli sia ormai irri­me­dia­bil­mente dan­neg­giata si sug­ge­ri­sce di rivol­gersi ad un cen­tro tri­co­lo­gico spe­cia­liz­zato per avere un parere tec­nico sulla riso­lu­zione o meno del problema.