Con quest’articolo si vuole fare chia­rezza nel vasto e poco cono­sciuto campo della ripa­ra­zione delle pro­tesi capelli.

Per prima cosa è impor­tante sot­to­li­neare che non tutte le pro­tesi capelli sono ripa­ra­bili o se lo sono spesso non ne vale vera­mente la pena. Molto impor­tante è l’onestà del for­ni­tore, quando si riceve la richie­sta di ripa­rare una pro­tesi capelli con base com­ple­ta­mente in poliu­re­tano signi­fica pro­ce­dere con una ripa­ra­zione che sovrap­pone uno strato su quello pre­e­si­stente com­pro­met­tendo così la leg­ge­rezza del pro­dotto, cosa non sem­pre fat­ti­bile per­ché se la base è di scarsa qua­lità si sfi­le­ranno i capelli invece che rom­persi ancora sotto.

Diver­sa­mente, le pro­tesi capelli in Mono­fi­la­mento, siano esse pre­di­spo­ste con l’attacco per il bia­de­sivo tutt’attorno o senza, quindi strut­tu­rate per anco­raggi fissi, la base molto tra­spi­rante che le carat­te­rizza, si pre­sta sia ad essere ripa­rata ripor­tan­dola alle ori­gini, sia all’aggiunta di capelli nel caso di zone dira­date, e par­ti­co­lare non meno impor­tante, per lavori di buona fat­tura e/o su misura, qua­lora durante il periodo d’uso ci sia la neces­sità di aggiun­gere dei capelli bian­chi, anche se non pre­vi­sti in ori­gine, lo si può fare.

Infine, vale sem­pre la pena ripa­rare una pro­tesi capelli di buona qua­lità per la quale si è speso la cifra che merita, oggi il mer­cato offre un’ampia scelta di mate­riali e colori, ma sta al buon senso della per­sona capire la qua­lità della pro­tesi capelli.