Quando si indossa una pro­tesi capelli da diverso tempo prima o poi, ci si chiede se è neces­sa­rio acqui­starne una nuova oppure se ripa­rarla possa allun­garle signi­fi­ca­ti­va­mente la durata. Si con­si­glia di rivol­gersi al cen­tro dove avete ordi­nato l’infoltimento per chie­dere qual­che con­si­glio in merito, le ripa­ra­zioni, infatti, pos­sono essere effet­tuate sola­mente da esperti del set­tore e non da chiun­que. È impor­tante spe­ci­fi­care che non tutte le pro­tesi capelli pos­sono essere ripa­rate, per que­sto è fon­da­men­tale valu­tare atten­ta­mente la situa­zione prima di pro­ce­dere con un inter­vento che possa non avere l’effetto sperato.

Vediamo assieme quali fat­tori devono essere considerati:

  1. base –> per prima cosa si deve valu­tare la con­di­zione in cui si trova la base, ossia se i mate­riali sono ancora in buono stato oppure se ormai sono con­su­mati e lace­rati. Nel primo caso la ripa­ra­zione potrebbe rive­larsi la scelta adatta, nel secondo pro­ba­bil­mente potrebbe rap­pre­sen­tare solo un pal­lia­tivo tem­po­ra­neo e rive­larsi indi­spen­sa­bile acqui­stare un infol­ti­mento nuovo poco tempo dopo.
  2. capelli –> la den­sità dei capelli nella pro­tesi è uno degli ele­menti che influi­scono sull’effettuare o meno una ripa­ra­zione, in altre parole se l’infoltimento ha perso una buona quan­tità di capelli tanto da lasciare sco­perte delle zone della testa potrebbe rive­larsi utile rin­fol­tire le zone dan­neg­giate. Un fat­tore da pren­dere in con­si­de­ra­zione è lo stato dei capelli ori­gi­nari se sono ancora in discreto stato oppure se si pre­sen­tano sec­chi e opa­chi, in que­sto caso la ripa­ra­zione rischie­rebbe solo di fare notare la dif­fe­renza tra que­sti otte­nendo un effetto non omo­ge­neo, ecco per­ché si con­si­glia di ordi­nare una pro­tesi capelli nuova.
  3. età –> se l’aspetto della per­sona sta cam­biando, in altre parole i capelli ini­ziano a ingri­gire e la pro­tesi capelli non è più coe­rente con que­sto nuovo pro­cesso natu­rale, l’unica solu­zione sarà di farne una nuova con le carat­te­ri­sti­che più veri­tiere pos­si­bili per non evi­den­ziare dif­fe­renze di tona­lità e addi­rit­tura di colore. Que­sto solo se la dif­fe­renza è troppo grande da col­mare con l’inserimento ad esem­pio di capelli grigi. Se invece la dif­fe­renza è minima, potrebbe essere suf­fi­ciente modi­fi­care la per­cen­tuale tra capelli grigi e no.

Que­sti sono solo alcuni dei casi più comuni ana­liz­zati, ma ve ne sono anche molti altri, per que­sto come già anti­ci­pato si sug­ge­ri­sce di con­sul­tare uno spe­cia­li­sta per avere indi­ca­zioni più pun­tuali sul tipo d’intervento e/o ripa­ra­zione da ese­guire e se ne vale vera­mente la pena. Infatti, l’infoltimento può durare ancora molto tempo se ripa­rato nella maniera cor­retta e se i mate­riali si pre­sen­tano in buono stato, diver­sa­mente potrebbe rive­larsi sola­mente un cat­tivo affare.

Photo Cre­dit: donna.nanopress.it