Caduta dei capelli dopo il parto? Come rimediare?

La caduta dei capelli si accentua dopo il parto? Come rimediare? Chiediamolo all’esperto!

Durante la gravidanza non di rado si può notare una chioma più spessa e voluminosa dovuta alla particolare condizione in cui ci si trova, non si può dire altrettanto però del periodo che segue il parto in cui si può riscontrare una caduta dei capelli maggiore, una riduzione del diametro del capello e/o una diversità di stile (la chioma può diventare più dritta oppure più mossa). In questa situazione è fondamentale non farsi prendere dal panico ma capire cosa sta succedendo al proprio corpo e consultare uno specialista per capire come intervenire ed arrestare la caduta dei capelli, che spesso in questi casi è a carattere temporaneo.

Che cosa succede alla chioma durante la gravidanza?

Durante la dolce attesa, l’ispessimento dei capelli e il volume è dovuto a livelli più elevati di estrogeni nell’organismo, tra cui: la prolattina, il progesterone e l’ossitocina. In genere, una donna non incinta perde una certa quantità di capelli al giorno ma si tratta di un fenomeno assolutamente naturale e fisiologico, poiché dipende dal ciclo di crescita del capello. Durante la gravidanza, tuttavia, l’aumento degli ormoni riduce la quantità di capelli che normalmente si perderebbe. In sostanza si allunga la fase di riposo mantenendo così una buona densità di capelli.

Che cosa succede dopo il parto?

Dopo il parto, i livelli di estrogeni e progesterone diminuiranno sensibilmente e i capelli che sono rimasti in fase di riposo inizieranno a cadere. Si tratta solitamente di una perdita temporanea che si protrae per circa 3 mesi dopo il parto. Non è necessario preoccuparsi più del dovuto in quanto tutto dovrebbe tornare alla normalità in pochi mesi una volta che il corpo avrà ripristinato l’equilibrio ormonale.

Che cosa fare e a chi rivolgersi?

Poiché la caduta dei capelli dopo il parto interessa circa il 40-50% delle donne, ecco qualche consiglio utile:

  • Seguire una dieta alimentare sana e bilanciata –> sebbene non sia possibile controllare i cambiamenti ormonali è possibile combattere potenziali mancanze nutrizionali, migliorando così la salute della chioma e del corpo in generale.
  • Ridurre lo stress termico –> si consiglia di non usare piastre, arricciacapelli e phon ad alte temperature poiché l’eccessivo calore può danneggiare irreparabilmente i nostri capelli.
  • Bere molta acqua –> per reintegrare i sali minerali persi e garantire una maggiore idratazione all’organismo.
  • Lavare la chioma con regolarità –> il lavaggio dei capelli è molto importante, lavare con regolarità serve ad asportare tutte le impurità e a disintossicare il cuoio capelluto. Si consiglia, inoltre, di grattare bene la cute quando si fa lo shampoo e di sciacquare a fondo.

Qualora la caduta dei capelli dovesse protrarsi per un periodo maggiore e farsi sempre più copiosa, si suggerisce di rivolgersi ad uno specialista per un check up del proprio cuoio capelluto e capelli.


Deprecated: related_posts è deprecata dalla versione 5.12.0! Al suo posto utilizza yarpp_related. in /var/www/vhosts/cadutadeicapelli.net/httpdocs/wp-includes/functions.php on line 4861