Caduta dei capelli: lo stress può far perdere i capelli?

La caduta dei capelli può essere dovuta allo stress? Scopriamolo assieme!

Nella società d’oggi lo stress è uno dei fattori che si fa sempre più preponderante e interessa fasce ampie d’età, dal giovane alla persona matura. Il numero di giovani che si rivolge a specialisti per problemi di calvizie aumenta progressivamente. Tra le cause della caduta dei capelli, spesso, rientra anche lo stile di vita frenetico e ansioso che genera alti livelli di stress.

Uno studio condotto dall’American Psychological Association rivela che le generazioni nate negli anni ’80 e ’90 sono sottoposte a livelli di stress più alti rispetto alle precedenti. Le fonti di stress possono essere le più diverse, principalmente s’identificano in:

  • Problemi economici;
  • Ricerca o problemi lavorativi;
  • Responsabilità familiari;
  • Relazioni intrapersonali complicate;
  • Problemi di salute;
  • Problemi estetici.

La ricerca ha, inoltre, analizzato quali sono i modi più comuni che sono adottate per combattere lo stress, tra queste:

  • Guardare film o serie tv;
  • Navigare nel web;
  • Dormire, ed altre.

Lo stress può essere di due tipi:

  • Fisico –> dovuto a gravidanza; interventi chirurgici; traumi fisici; alimentazione non bilanciata.
  • Psicologico –> racchiude tutte le situazioni che provocano tensione e ansia, ad esempio trasferimenti; esami; problemi familiari ed altri.

Lo stress può far cadere i capelli?

Un forte periodo di stress, in concomitanza di altri fattori, può portare anche alla caduta dei capelli, la zona midollare del surrene è stimolata eccessivamente producendo maggiori quantità di adrenalina e noradrenalina. Queste sostanze accelerano notevolmente il ciclo di vita del capello facendo aumentare i capelli in fase telogen. In alcune circostanze, i capelli saltano del tutto la fase del riposo passando ad una cospicua perdita durante la fase di crescita, i capelli nuovi nascono fini e deboli, si miniaturizzano sempre di più fino alla progressiva scomparsa.

La caduta dei capelli può essere più o meno grave in proporzione ai livelli di stress percepiti, che possono essere principalmente divisi in:

  • Forte stress –> può manifestarsi improvvisamente e far cadere una buona parte della chioma. I capelli si arrestano in fase telogen e dopo qualche mese cadranno. La perdita sarà però momentanea in quanto la struttura del follicolo non viene danneggiata per cui, terminato il periodo di stress, i capelli riprenderanno il normale ciclo di crescita.
  • Stress più lieve –> se i livelli di stress sono meno intensi ma più prolungati nel tempo, la fase telogen di effluvium diventerà cronica. La quantità di capelli persi sarà minore rispetto alla situazione descritta precedentemente ma più diffusa e protratta nel tempo, si avrà così un diradamento diffuso.

Come intervenire?

Per prima cosa è fondamentale consultare un esperto che attraverso una prima visita potrà analizzare lo stato di salute di cuoio capelluto e capelli e identificare quali sono i fattori che hanno indotto la caduta dei capelli. Una corretta anamnesi è la base per studiare una terapia atta a risolvere il problema.