Caduta dei capelli: quali sono gli esami per individuare la calvizie?

Come individuare se si tratta di calvizie? Ecco gli esami più utili per determinare la caduta dei capelli!

Le cause della calvizie sono molteplici, possono dipendere da diversi fattori, e non sempre sono facilmente individuabili anche per gli addetti ai lavori. Esistono però dei test coadiutori, ossia che aiutano a raccogliere dati ed informazioni più precise per determinare lo stato di salute di cuoio capelluto e capelli.

Tra le cause più comuni troviamo:

  • Mancanze alimentari;
  • Influenze ambientali;
  • Stress;
  • Ereditarietà ed altri fattori.

Tra gli esami più utili per determinare il quadro clinico della persona, vi sono:

  • Tricogramma –> è un test dei capelli, che si effettua prelevando un campione di circa 50-100 capelli per poi analizzarli in laboratorio. Si analizza sostanzialmente lo stato dei capelli nelle loro varie fasi: anagen, catagen e telogen. Di norma una persona sana ha circa l’84% di capelli in fase anagen, il 2% in fase catagen e il 14% in fase telogen. L’alterazione considerevole di queste stime indica che vi è un problema nel ciclo di vita dei capelli che può portare ad una caduta eccessiva.
  • Fototricogramma –> si tratta di una fotografia della zona rasata del cuoio capelluto. L’area è di circa 1 centimetro quadrato, vengono contati i capelli e dopo due mesi si ripete il medesimo procedimento. Con questo test è possibile capire la quantità di capelli in fase anagen sottraendo il numero dei capelli ottenuto in precedenza rispetto all’attuale.
  • Pull test –> consiste nel far scorrere le dita tra i capelli, tirandoli leggermente, senza strapparli. Analizzando i capelli che si staccheranno, sia come numero sia tipologia, sarà possibile compiere ulteriori tecniche diagnostiche per individuare il problema.

Questi test permettono al tricologo di ottenere un quadro più chiaro e, possibilmente più completo, della persona interessata dalla caduta dei capelli, infatti, individuare le cause è il primo step per determinare la terapia adatta. Per questo consigliamo, qualora si debba notare una perdita cospicua, di non agitarsi e di rivolgersi ad un centro tricologico di fiducia per chiedere il consulto di un esperto.