Calvizie femminile: cause e soluzioni

Un problema attuale ed in crescita negl'ultimi anni: quasi il 20% delle donne soffre di calvizie femminile. Analizziamo insieme cause e possibili soluzioni di questo problema di caduta dei capelli.

Oggi vogliamo rivolgerci alle donne che non si riconoscono più allo specchio a causa di un diradamento dei propri capelli ed analizzarne le cause.

La calvizie femminile è, infatti, un serio problema che colpisce il 20% delle donne adulte e comporta un fortissimo stress emotivo, oltre rappresentare un problema di salute ed estetico.

Nell’immaginario collettivo, i capelli sono sinonimo di femminilità, una lunga chioma sana è considerata imprescindibile per avere un aspetto piacevole.

Proprio per il forte impatto che questo fenomeno porta con sé, vogliamo oggi analizzarlo, per potervi dare delle risposte.

Non si può non partire dalle cause, per parlare di calvizie femminile; le principali sono:

  • ALOPECIA ANDROGENETICA: è la principale causa della caduta dei capelli nelle donne, causata da una elevata sensibilità all’ormone DHT e porta i capelli sani ad una progressiva miniaturizzazione fino a diventare corti, sottili e tendenti a sfilarsi via.
  • FASI DI VITA: durante alcuni momenti particolari e specifici della vita di una donna, quali gravidanza, menopausa e allattamento, si può verificare un aumento della caduta dei capelli. In questi casi si tratta di una fase transitoria che può diventare fonte di preoccupazione solo se si perpetua nel lungo periodo e non rientra col finire degli eventi scatenanti individuati.
  • STRESS: la calvizie femminile è un fenomeno in aumento negli ultimi 20 anni, anche per l’emancipazione della donna stessa, che l’ha portata a subire maggiormente diversi fattori di disturbo, quali lo stress lavorativo, fattori ambientali e le alterazioni dei ritmi sonno-veglia.
  • TRATTAMENTI: infine, bisogna dire che una donna sottopone i propri capelli più spesso a trattamenti cosmetici, quali tinte, colpi di sole, permanenti e stirature che risultano invasivi nei confronti del capello stesso e che possono, in taluni casi, creare danni molto gravi.

E quali possono essere le soluzioni al problema della calvizie femminile?

Innanzitutto, vi consigliamo di rivolgervi ad un centro tricologico altamente specializzato. Dopo un consulto, il vostro livello di caduta verrà valutato tramite una Scala di Ludwig a 3 livelli, in base a quanto è accentuato il diradamento. Dopo questa fase di analisi, si procederà con l’individuazione del metodo di cura migliore a seconda dei casi, delle necessità e delle possibilità.

I principali metodi tricologici per la cura della calvizie femminile sono i biotrattamenti, il trapianto, l’infoltimento e, in casi temporanei, la parrucca.

 

Photo Credit: pazienti.it

Una replica a “Calvizie femminile: cause e soluzioni”

  1. mia moglie ha avuto problemi del genere post parto, per fortuna risolti, doveva coprire tutto con caboki. santo europacapelli