Protesi capelli: come eliminare il prurito al cuoio capelluto?

Una volta indossata la protesi capelli, si avverte un forte prurito dopo poche ore? Ecco come eliminare il problema!

Per chi cerca nella protesi capelli una soluzione valida ai problemi di caduta dei capelli, è fondamentale indossare un infoltimento che sia studiato ad hoc sulla persona sotto ogni aspetto, in modo che possa essere indossato in tutta tranquillità. A volte succede che la protesi capelli possa causare una fastidiosa sensazione di prurito al cuoio capelluto, ma non è detto che la provochi direttamente l’infoltimento, potrebbe invece dipendere da diverse cause concomitanti.

Una delle cose più importanti da fare prima di indossare la protesi capelli è una corretta preparazione del cuoio capelluto, questo deve essere perfettamente igienizzato, si raccomanda una profonda pulizia della cute con prodotti igienici specifici. Perché questo è importante? Perché anche la minima quantità di sporco, oli o adesivi e residui di sostante potrebbero rovinare l’infoltimento e causare nel tempo irritazioni cutanee alla testa.

Un altro fattore da considerare è di applicare sul cuoio ben igienizzato un prodotto specifico che funga da protettore riducendo la possibilità di una reazione allergica a colle o adesivi liquidi da parte del corpo.

Il prurito potrebbe dipendere anche dal tipo di ancoraggio della vostra protesi capelli, nel caso di adesivi liquidi, si consiglia di scegliere, soprattutto per le pelli sensibili, colle a base di acqua, poiché sono meno irritanti. Qualora dovesse persistere il problema, si suggerisce di sostituire l’adesivo liquido con un’altra tipologia oppure provare un tipo di ancoraggio diverso come ad esempio il nastro biadesivo.

Inoltre, se il prurito non cessa, si fa sempre più fastidioso ed è accompagnato da bruciore, potrebbe essere sintomo di un problema più importante che dev’essere affrontato seguendo il consiglio di un esperto, come il tricologo, un consulto tempestivo potrebbe, infatti, risolvere la situazione in tempo senza causare ulteriori fastidi alla persona.

Photo credit: tantasalute.it