Protesi capelli rovinata? È possibile ripararla?

È possibile riparare una protesi capelli danneggiata? Chiediamolo al nostro esperto!

Se la protesi capelli risulta rovinata o danneggiata è possibile ripararla? Chiediamo consiglio al nostro esperto Prontocapelli: Maurizio Magrin.

Buongiorno Maurizio, siamo qui oggi per parlare con Lei degli interventi di riparazione protesi capelli, ricordando che questo servizio è fornito da Prontocapelli in maniera esemplare.

Buongiorno a tutti. Per prima cosa è importante premettere che questo tipo di servizio ad oggi non è fornito da molti laboratori in Italia. Noi, in tutti questi anni, abbiamo garantito ai nostri clienti una pronta assistenza su protesi capelli e parrucche. Oggi, mantenere un servizio di questo tipo ci permette di eseguire rinfoltimenti e riparazioni in tempi ragionevoli abbattendo lunghe attese derivanti da eventuali spedizioni all’estero.

Maurizio, ci incuriosisce molto sapere con che materiale o strumentazione si lavora in laboratorio.

Essenzialmente la strumentazione è la stessa che si utilizzava anche negli anni ’70. Il treppiede, il porta-testina, la testina in polistirolo, uncinetto, ago, filo, materiale per basi monofilamento e naturalmente…capelli! Negli ultimi anni abbiamo inserito alcuni nuovi strumenti, che collegati al computer, ci permettono di effettuare operazioni di verifica e di sviluppo. Grazie all’uso di una videocamera possiamo ottenere 500 ingrandimenti al fine di garantire un controllo di qualità sulle operazioni eseguite. Inoltre, quando il cliente acconsente, ci avvaliamo di alcune immagini scattate nel box styling per avere dei riferimenti somatici dai quali trarre indicazioni nel corso delle riparazioni.

I capelli che sono utilizzati sono naturali o in fibra?

Dipende dai casi e dalle esigenze del cliente, quando interveniamo su un infoltimento, reperiamo capelli della stessa tipologia e del medesimo colore rispettando la qualità del capello originale dell’infoltimento. Quando invece fosse necessario intervenire per rinfoltire una protesi aggiungendo capelli bianchi, utilizziamo nella maggior parte dei casi capelli in fibra per mantenere inalterata la tonalità dei grigi. I capelli in fibra, infatti, non sono sensibili alle tinte e per questo è più facile acconciarli.

Per quale motivo si dovrebbero aggiungere capelli bianchi all’infoltimento?

Il motivo è molto semplice. I nostri clienti che ci accompagnano da anni, ad un certo punto, hanno la necessità di adeguare il colore dei capelli alla loro età. L’inserimento graduale di capelli bianchi permette così di adattare l’immagine della persona all’età e renderla veritiera.

Si tratta quindi di una scelta che spetta al cliente?

Si certo, anche se grazie alla nostra decennale esperienza cerchiamo di accompagnare il cliente gradualmente inserendo pochi capelli bianchi alla volta portandolo ad un risultato progressivo.

Quindi Maurizio, Lei può inserire nella base dell’infoltimento un capello alla volta?

Assolutamente sì, soprattutto nella parte di rifinitura (riga, vortice e attaccature) è necessario. Grazie all’uncinetto riusciamo ad inserire un capello alla volta annodandolo sulla base con uno speciale nodo che dura nel tempo. In base alla lavorazione è eseguito un nodo singolo o un doppio nodo.

Questo tipo di riparazioni quanto durano?

Dipende, la manutenzione di questo tipo di infoltimenti e protesi è necessaria sin dal primo giorno. Dopo la riparazione dovremo eseguire la manutenzione ordinaria consigliata. Il cliente ha la possibilità di utilizzare i prodotti specifici a casa o addirittura di recarsi presso il punto vendita togliendosi così ogni pensiero. Lei comprende bene che la durata è molto soggettiva e dipende soprattutto dalle abitudini del cliente e da come si utilizzano prodotti, pettini e spazzole. Inoltre, decisivo è l’ambiente, gli agenti atmosferici e chimici che sono a contatto con la protesi capelli. Non ultima, la sudorazione, in alcuni casi, stressa maggiormente le basi specialmente quando è abbondante o ha una composizione alterata.

Quante volte è possibile intervenire con una riparazione della protesi?

L’esperienza ci suggerisce di intervenire al massimo un paio di volte considerando la vita media di questo tipo di sistemi di infoltimento.

Maurizio, la ringraziamo per la collaborazione e il tempo che ci ha dedicato.